sabato 15 gennaio 2011

Bulldog, mano pesante contro gli ultras lucchesi

Mano pesante dei giudici del tribunale che hanno inflitto quasi mezzo secolo (esattamente 46 anni e 4 mesi complessivi) di reclusione a 14 giovani ex appartenenti al gruppo ultras di estrema destra dei 'Bulldog'  capaci di conquistare il controllo della curva lucchese dopo una dura contrapposizione con altri gruppi di ultras. I giudici Valentino Pezzuti, Profeta e Billet hanno comunque «alleggerito» le richieste di pena del pm Fabio Origlio che ammontavano a ben 74 anni e mezzo di carcere.Sentenza di completa assoluzione, invece, per cinque dei diciannove imputati. In particolare sono stati inflitti 5 anni e 8 mesi di reclusione ad Andrea Palmeri, 31enne, detto «il generalissimo», ritenuto il capo e promotore di un’associazione a delinquere vera e propria, quella dei «Bulldog», appunto. «E’ ridicolo... è ridicolo, anche voi giornalisti comunisti...», ha sbottato Palmeri alla lettura della sentenza, giunta alle 17,10 dopo tre ore esatte di camera di consiglio e di palpabile tensione in aula.

Palmeri nelle more del processo ha subito un daspo internazionale per essere stato fermato a Sofia, dopo la partita Bulgaria-Italia nel 2008, e accusato di aver bruciato la bandiera bulgara. Alcuni degli imputati sono considerati dalla Digos vicini a Forza nuova. Nel dicembre 2009 lo stesso Palmeri ha presentato un suo libro sulla storia del tifo lucchese, tra le polemiche delle istituzioni locali, insieme all'assessore alla Sicurezza del comune di Altopascio, l'unico esponente forzanovista a ricoprire simile incarico in Italia.
fonte: La Nazione.it


9 commenti:

i ricchi papini dei suddetti finora hanno lavorato bene per parare il culi ai fascistelli....

x l'intelligentone sopra

Certo, 4/5 anni a testa per qualche rissa (magari cercata dai locali fautori dell'antifascismo militante subito pronti a correre in questura dopo averle prese) sono uno scherzo no?

Mica come i compagni arrestati e scarcerati in 15 minuti a Roma...

CERTO far saltare l'occhio ad una persona lanciando bicchieri non e' nulla vero ?

certo pestare un compagno in dieci non e' nulla vero?

ma tanto paga papa' medico

L'episodio del Bruton è molto controverso visto che anche lo sfortunato ferito ha ammeso di non aver capito da dove provenisse e l'ipotesi del 'fuoco amico' è tutt'ora al vaglio delle autorità.

I pestaggi politici, a Lucca come in tutta Italia, sono prassi dei gruppetti ultras pseudo-politici tanto di destra (in questo caso Bulldog) che di sinitra (come i gruppi skin lucchesi e pisani SHARP e RASH).

Comunque al di là delle considerazioni personali sulla violenza politica resta il dato di fatto che se sei fascista ti becchi associazione a delinquere per aver menato qualche compagno, se sei comunista e metti a ferro e fuoco il centro di una città sei libero in qualche ora.

Chissà come mai... i santi in paradiso fanno comodo...
D'altronde perchè il sistema dovrebbe avercela con i cani da guardia dell'antifascismo sul quale si fonda.

l'episodio del bruton non è affatto controverso, visto che vari testimoni hanno riconosciuto gli agressori(che infatti sono tutt'ora in galera)
quanto ai bulldog, nessun antifascista li ha mai aggrediti, la violenza a lucca ha avuto un solo colore

da almeno 15 anni il papino chirurgo ha evitato il carcere al vigliiacchetto capo e ai suoi amici cocainomani...ora a piangere al gabbio come bambinetti..ahahahahah

a lucca mai nessun antifascista ha mai dato noia ai fascisti che hanno sempre LORO eper primi aggredito e ferito giovanissimi ragazzi di sinistra anche solo epr avere una maglietta del che addosso..

i bulldog sono degli avanzi della societa' malati di mente che adoravano il palmeri essere mononeurone violento e basta

per anonimo. lo sfortunato ferito ha visto da dove proveniva il lancio ed ha fornito una buona descrizione dei connotati del "lanciatore".

toghe rosse la vergogna di lucca .

Posta un commento