Header Ads


La vedova delle Chiaie rivendica l'archivio sequestrato

 





Rifondare Avanguardia? "Ci sarebbe da piangere se non fosse ridicolo", dichiara Maria Carola Casale, vedova di Stefano Delle Chiaie (nella foto dei funerali è a fianco di Maurizio Boccacci).  

"Ognuno è libero di fare le proprie scelte ma con la sua faccia, non con la faccia e il nome degli altri. Avanguardia è stata sciolta ed è sciolta: io sono stata chiara quando è morto mio marito perché non sono solo sua moglie, sono stata una militante e mi ritengo ancora una militante.  Ho detto "Stefano è morto e Avanguardia non c’è più" e non c’è nessuno che possa dire altrimenti. Mi avevano chiesto dell’archivio e io ho detto che mi appartiene, ma sarà  a disposizione di chiunque vorrà attingervi per scrivere un libro o un articolo, consultare documenti, studiare la storia dell’ambiente". 

"Questo sembrava andasse bene a tutti. Avevo intenzione di fare un’associazione, una fondazione, qualcosa che racchiudesse il materiale di Stefano e lo mettesse a disposizione di tutti e mi sono attivata per farlo. Poi quei documenti sono spariti. Ora chiedo solo di rientrarne in possesso, com’è nel mio pieno diritto, e appena i documenti mi saranno restituiti procederò". "Mio marito, conclude la vedova Delle Chiaie, è stato assolto da tutti, e sentir dire ancora che è un criminale che andava a braccetto con i servizi mi fa arrabbiare moltissimo. Io pretendo solo rispetto per la sua vita, la sua testimonianza"

Nessun commento:

Powered by Blogger.