No dpcm in piazza: 11 fermi a Roma - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

domenica 15 novembre 2020

No dpcm in piazza: 11 fermi a Roma


Sono 11 i fermati dalla Digos per la protesta non autorizzata a piazza Venezia, al centro di Roma, contro le misure anti-Covid. Gli attivisti, esponenti di Forza Nuova e dei gilet arancioni, verranno denunciati per resistenza e manifestazione non preavvisata. "Tutti uniti al grido Italia libera" avevano scritto gli organizzatori lanciando l’iniziativa. Il segretario Roberto Fiore e il vicesegretario Giuliano Castellino insieme a una trentina di militanti di Fn e attivisti dei gilet arancioni dalle 14. 30 hanno occupato piazza della Bocca della Verità’ sorvegliati a vista dalla polizia che ha sigillato lo slargo, mentre altri 30 dimostranti si erano radunati senza permesso sulla scalinata dell’Altare della Patria.




Gli agenti che sorvegliavano la piazza con dieci blindati, un idrante, sono intervenuti per liberare il monumento respingendo gli attivisti No mask verso la Bocca della Verità. Alle 17 Floriano Abrahamowicz, prete lefebvriano ha celebrato la messa in piazza della Bocca della Verità alla presenza di alcune decine di attivisti.

No mask: due fermi a Torino

Si sono presentati alla manifestazione delle partite Iva, in piazza Castello a Torino, con pettorine blu e un distintivo appeso al collo: "Human rights defenders", ovvero "difensori dei diritti umani": il diritto in questione, si suppone, è quello di andare in giro senza mascherina visto che nessuno di loro la indossava. Dopo qualche momento di tensione sedato dalla polizia il gruppo di negazionisti del Covid è stato allontanato dalla manifestazione al grido di "Via, via". Due di loro sono stati portati in questura perché si sono rifiutati di esibire i documenti: saranno sanzionati per violazione del Dpcm
C'erano anche le Mascherine Tricolori e Forza Nuova oggi in piazza a Torino, a sostegno delle varie associazioni di ambulanti, partite iva e piccoli imprenditori che manifestavano per chiedere soluzioni per non far morire le proprie attività.
"Tra le nostre fila ci sono persone di ogni estrazione sociale, operai ma anche imprenditori, partite iva, tassisti, negozianti, ristoratori, insomma tutte quelle categorie che stanno subendo più di altre le restrizioni dovute all’emergenza Covid e che oggi vedono le proprie attività sull’orlo del fallimento - hanno spiegato i rappresentanti delle Mascherine Tricolori in una nota - ci sembrava assolutamente doveroso oggi sostenere questa protesta che non chiede elemosina o assistenzialismo, ma semplicemente di poter lavorare"
"Noi patrioti di Forza Nuova con il Comitato Italia Libera siamo in piazza per fare da megafono alla protesta dei commercianti e dei cittadini ormai stufi delle promesse dei politici, sia di centro destra sia di centro sinistra", hanno sottolineato in una nota.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700