Avanguardia: l'aggressione ai giornalisti? Una sentenza politica falsa - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

martedì 7 luglio 2020

Avanguardia: l'aggressione ai giornalisti? Una sentenza politica falsa


RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO
La Comunità politica di Avanguardia esprime piena ed incondizionata solidarietà e vicinanza ai Camerati Vincenzo Nardulli e Giuliano Castellino per la ingiusta e assurda sentenza che li ha condannati a 5 anni e 6 mesi per rapina e al pagamento di diverse migliaia di euro anche nei confronti delle parti civili che, come organi di stampa, a nostro avviso, non avevano nessun titolo di dichiararsi parti civili.
Una sentenza che non ha tenuto conto delle testimonianze della Digos, dell’Ucigos, dei Carabinieri della caserma Trevi e dei poliziotti del commissariato San Lorenzo i quali scagionavano completamente gli imputati dalla finta aggressione dichiarata dai falsi giornalisti come dai filmati da noi prodotti e depositati agli atti, dove si evinceva che non era stata fatta nessuna rapina e che il telefonino, oggetto della rapina, era sempre in possesso dei dichiaranti la finta aggressione. Un processo costruito a tavolino con una sentenza assurda e non giustificata dai fatti realmente accaduti.
Una sentenza politica che vuole colpire le uniche forze nazional rivoluzionarie che si sono battute contro questo sistema dittatoriale, questa dittatura sanitaria, finanziaria, giudiziaria e mas mediatica che ha portato l’Italia al collasso.
Il P.M del processo Eugenio Albamonte, che aveva chiesto 6 anni si è visto accorciare di poco la sentenza, ma da buon antifascista viscerale avrà goduto per il momento.
“LA REPRESSIONE NON CI PIEGA MA CI MOLTIPLICA”
LA COMUNITA’ POLITICA DI AVANGUARDIA

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700