13 luglio 1993: Freda e Ferri arrestati per il Fronte nazionale - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

lunedì 13 luglio 2020

13 luglio 1993: Freda e Ferri arrestati per il Fronte nazionale

Il blitz giudiziario scatta a Verona, appena due mesi dopo la retata contro i naziskin, verso i quali il “reggente” non ha mancato di manifestare la sua inattenuata severità. L’8 luglio 1993 il GIP ordina la custodia cautelare per i dirigenti nazionali Freda, Ferri, Gaiba – coordinatori per il Nordovest e il Nordest – e per i quadri veronesi Trotti, Stupilli, Wallner. Gli arresti scattano il 13.
Le indagini, condotte dal PM Guido Papalia, avevano preso l’avvio dalla celebrazione del Solstizio di inverno del 1992 a Bardolino, sul lago di Garda, conclusa con il rogo di una pira e il canto dei Carmina burana. Alla cerimonia, più sacrale che politica, presieduta da Freda, Ferri e Trotti, avevano partecipato cinquanta militanti. LEGGI TUTTO

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700