Fratelli d'Italia canta vittoria: escluso Colosio dal Cts anti-Covid - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

venerdì 17 aprile 2020

Fratelli d'Italia canta vittoria: escluso Colosio dal Cts anti-Covid

Claudio Colosio, il medico condannato per concorso nell'omicidio di Sergiom Ramelli, non è stato incluso nella nuova task force designata oggi dalla Regione Lombardia per la gestione dell'emergenza covid19-fase2. Fratelli d'Italia che ha sollevato il caso, come anche la consigliera Viviana Beccalossi, ha diffuso questo comunicato di festeggiamento: 

Direzione Generale Welfare della Regione Lombardia ha comunicato che è stata aggiornata la composizione del Comitato Tecnico Scientifico regionale. 
Questa la nuova composizione: Rizzardini Giuliano, Galli Massimo, Grossi Paolo, Castelli Francesco, Santus Pierachille, Harari Sergio, Pesenti Antonio, Zangrillo Alberto, Fumagalli Roberto, Cecconi Maurizio, Carrer Paolo, Riboldi Luciano, Baldanti Fausto, Perno Carlo, Pregliasco Fabrizio, Pariani Elena, Clerici Pier Angelo, Garattini Silvio, Remuzzi Giuseppe, Melegaro Alessia, Bertolini Guido, Macchi Luigi, Auxilia Francesco, Carlo Signorelli, Spata Gianluigi, Marinoni Guido, Pace Stefania. 
«L’indicazione di Claudio Colosio a componente della task force di Regione Lombardia per la fase 2 sarebbe stata un’offesa intollerabile. Al di là del percorso professionale di Colosio come medico del lavoro, nessuna task force avrebbe mai potuto cancellare la sua condanna a 7 anni e 9 mesi per l’omicidio di Sergio Ramelli. Ringraziamo l’Assessore Gallera, da sempre sensibile alla vicenda umana di Sergio, a cui in questi giorni abbiamo sottoposto la vicenda auspicando un passo indietro dello stesso Colosio. Lo abbiamo fatto con discrezione nonostante l’evidente trasporto emotivo per chi come noi ogni anno ricorda il sacrificio di Ramelli, in modo da evitare che quella nomina potesse riaprire una dolorosa ferita proprio a pochi giorni dal 45esimo anniversario della morte di Ramelli. Siamo felici che le nostre richieste abbiano trovato ascolto». 
È quanto dichiarato in una nota i parlamentari lombardi di Fratelli d’Italia Ignazio La Russa, Carlo Fidanza, Paola Frassinetti, Marco Osnato, Daniela Santanchè, Alessio Butti, Gianpietro Maffoni, Lucrezia Mantovani, Pietro Fiocchi, Isabella Rauti, insieme agli Assessori e Consiglieri regionali Riccardo De Corato, Franco Lucente, Lara Magoni, Barbara Mazzali e Federico Romani.

2 commenti:

  1. L'hanno ammazzato come un cane. Sergio è morto tra strazianti dolori. L'ematoma in testa gli è esploso. Quei p.di m.in ospedale dicevano alla madre che Sergio si lamentava troppo. Che non reggeva il dolore...
    Ho letto il curriculum professionale di Colosio: notevole.forse sarebbe stato utile nel team medico. 45 anni dopo l'infame esecuzione,che cosa serve sta levata di scudi di sti guerrieri de carta de sta destra danniente. Autoreferenziali. Tutti uguali, se t'avvicini puzzano de carne morta...ciao Sergio

    RispondiElimina
  2. Mi chiedo: ma perché non vi firmate con il vostro NOME e COGNOME... du che cosa avete timore? Fatevi riconoscere...

    RispondiElimina

Banner pubblcitario 700