Coronavirus, la protesta armata in Michigan opera di gruppi trumpisti - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

venerdì 17 aprile 2020

Coronavirus, la protesta armata in Michigan opera di gruppi trumpisti

Migliaia di manifestanti, molti dei quali imbracciavano armi, sono scesi in piazza a Lansing, capitale dello Stato del Michigan, per protestare contro il lockdown ordinato dal governatore Gretchen Whitmer. I dimostranti hanno intasato le strade con le loro auto mentre a decine hanno ignorato la richiesta degli organizzatori di rimanere all'interno dei loro veicoli. La protesta - soprannominata "Operation Gridlock" (Operazione ingorgo) - non è stata organizzata da gruppi neonazisti o suprematisti bianchi ma da due organizzazioni politiche conservatrici, supporter del presidente Trump: la Michigan Conservative Coalition e dal Michigan Freedom Fund. A conferma della 'originale' matrice politica della protesta il fatto che nessuno dei grandi programmi di monitoraggio dell'estrema destra, dal Splc antirazzista al cane da guardia dell'antisemitismo, l'Adl, al Progetto estremismo della George Washington University hanno rilanciato la notizia

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700