Header Ads

Mastella no, le truppe mastellate si. La doppia morale della Lega nel Sannio

Il centro destra nella sua classica versione composta da Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia, arricchito dalla presenza di liste civiche rappresentative del territorio non sarà presente, salvo sorprese dell'ultimo minuto, in caso di prossime elezioni amministrative a Benevento, a seguito delle dimissioni del sindaco Clemente Mastella. Il niet dei rappresentanti locali della Lega all'eterno democratico cristiano Mastella è stato confermato addirittura dal segretario nazionale Matteo Salvini, nell'ultima sua venuta nella capitale del Sannio
D'altronde il leader leghista sogna un centro destra nuovo e fresco, magari con la discesa in campo di persone nuove, con tutto il rispetto per chi fa politica, in quelle zone, da 30 anni e oltre.
Mentre a Benevento la Lega fa prevalere un niet nei confronti di Clemente Mastella e Sandra Lonardo, in provincia sono davvero tanti gli ex "mastelliani" che sono saliti sul Carroccio vincente guidato da Salvini.
Di questa doppia morale della Lega nel Sannio che dice no a Clemente Mastella ma che accoglie nelle sue fila ceto politico rappresentanti delle cosiddette truppe mastelliane ce ne parla, in un post, pubblicato sulla sua pagina Facebook Antonio Caporaso, giornalista de Il Sannio Quotidiano.
Post che pubblichiamo per intero.

Le scelte di Matteo Salvini in Campania stanno profondamente deludendo quella base che fino ad ora aveva creduto in lui. Sarà che forse sono un “vecchio romantico” capace di credere ancora nella politica fatta di valori ed ideali, ma trovo incoerente respingere i Coniugi Mastella ed imbarcare i mastelliani che fino all’altro ieri correvano a Ceppaloni inseguendo l’osso che l’ex leader dell’Udeur lanciava nel suo giardino.
Oggi questi signori potranno anche fare le fortune immediate della Lega, ma il progetto politico resterà vuoto e domani sarà totalmente fallimentare, perché si sta servendo di quel “potere politico” che con grande spirito critico volevamo combattere. Caro Capitano ripensaci ora sei ancora in tempo!

Nessun commento:

Powered by Blogger.