L'autore della strage è un cospirazionista paranoico - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

giovedì 20 febbraio 2020

L'autore della strage è un cospirazionista paranoico

L'autore della strage nei due locali turchi in Assia è un cospirazionista paranoico con idee politiche di estrema destra e ossessionato dalla pedofilia satanista e rituale. E' stato identificato come Tobias Rathjen, 43 anni, estremista di destra. Prima dell'attacco, secondo il tabloid tedesco Bild, avrebbe lasciato un messaggio in cui rivendicava l’attentato e un video, nel quale sosteneva la necessità di «vernichten», annientare, «certi popoli la cui espulsione dalla Germania non è più possibile».
In un filmato pubblicato su Youtube sei giorni fa, Rathjen si rivolge in un ottimo inglese agli «americani», esortandoli a «combattere» per fermare le «società segrete» che controllano gli Usa. «Nel vostro Paese «esistono delle cosiddette basi segrete militari. In alcune celebrano il diavolo in persona. Abusano, torturano e uccidono i bambini. Una quantità incredibile di queste cose accadono ormai da molti anni. Svegliatevi. Questa è la realtà di quanto accade nel vostro Paese».
Peter R. Neumann, direttore dell'Icsr (Centro di ricerca sul terrorismo), ha scritto su Twitter che nelle 24 pagine del manifesto scritte dal killer «in un eccellente tedesco, senza errori di battitura o errori grammaticali», l'uomo spiega di aver frequentato l'università. Il manifesto rivela «il suo odio per gli stranieri e i non bianchi. Sebbene non enfatizzi l'Islam, chiede la distruzione di vari Paesi del Nord Africa, del Medio Oriente e dell'Asia centrale (che sono tutti a maggioranza musulmana)».
Neumann scrive anche che il killer giustificava la sua richiesta di uccidere le popolazioni di interi Paesi «in termini esplicitamente eugenetici», affermando che «la scienza dimostra che alcune razze sono superiori». L'uomo ha scritto di «non aver mai avuto una relazione con una donna negli ultimi 18 anni, per scelta» e di «essere stato sorvegliato da un servizio di intelligence per tutta la vita».
Il killer è stato rinvenuto senza vita in un appartamento della cittadina tedesca teatro della strage. Nello stesso appartamento è stata trovata morta anche la madre, uccisa precedentemente, e recuperata l'arma del delitto. Il padre dell’attentatore sarebbe stato portato via dalle forze speciali.
Secondo la Frankfurter Allgemeine Zeitung, l'uomo ha frequentato un corso di formazione professionale da impiegato di banca a Francoforte. Non era noto alle forze dell'ordine e non era conosciuto come xenofobo.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700