Berrettino con Hitler stilizzato: daspo e denuncia per la legge Mancino a 8 tifosi veronesi - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

martedì 11 febbraio 2020

Berrettino con Hitler stilizzato: daspo e denuncia per la legge Mancino a 8 tifosi veronesi

Il volto stilizzato di Adolf Hitler, l'inconfondibile taglio di capelli del dittatore nazista e al posto dei suoi iconici baffetti c'erano le scale, simbolo della città di Verona. Otto tifosi dell'Hellas Verona volevano entrare allo stadio Dall'Ara di Bologna con i particolari berretti per sostenere la squadra gialloblu, che, il 19 gennaio scorso, ha giocato contro i felsinei, pareggiando 1-1. Lo riferisce VeronaSera, e la notizia trova conferme in questura a Bologna. Non si tratta di una ragazzata: il più anziano del gruppo ha 50 anni, il più giovane 22, una sola donna, con il cappellino rosso.
"Razzisti e seguaci di un criminale, che riceveranno il Daspo e che sono stati denunciati". Così, il senatore veronese del Partito Democratico Vincenzo D'Arienzo li ha definiti "Dobbiamo isolarli - ha dichiarato D'Arienzo - Credo sia doveroso conoscere i nomi di questi signori e trattarli come meritano: discriminarli per la loro idolatria verso un criminale e per il loro odio razziale. La nostra società non ha bisogno di gente simile".
Gli otto tifosi sono stati fermati a gruppi di due, all'ingresso del stadio Dall'Ara. I loro berretti sono stati subito sequestrati e rapida è partita la segnalazione alle autorità. Oltre al Daspo, poi comminati nella misura di due anni ciascuno, i supporter gialloblu hanno ricevuto anche una denuncia per violazione della Legge Mancino che condanna gesti, azioni e slogan legati all'ideologia nazifascista, aventi per scopo l'incitazione alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali. La legge punisce anche l'utilizzo di simbologie legate a suddetti movimenti politici. La tifoseria gialloblù non è nuova a “incidenti“ del genere.

2 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Tassinari non si fa cosi' lei e' una persona scorretta grida tanto contro LA censura fascista pero' appena ne ha l'occasione e' lei il primo a farla ,pavido !

    RispondiElimina

Banner pubblcitario 700