Il professore che esalta Hitler invoca la libertà di pensiero. Almeno tre denunce - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

lunedì 2 dicembre 2019

Il professore che esalta Hitler invoca la libertà di pensiero. Almeno tre denunce



Ora si è scatenata l'ondata generale di riprovazione e sdegno ma sono anni che il professore Emanuele Carucci, stimato studioso di Carl Schmitt, posta contenuti sulfurei sulle sue pagine social. Ne offre una miscellanea Leonardo Bianchi, editor di Vice Italy. 
Travolto dalle polemiche, il professor Castrucci ha tentato di difendersi affermando: “Posso solo dire che mi sono limitato ad esprimere un giudizio storico personale avvalendomi, al di fuori della mia attività didattica, del principio di libertà di pensiero che, come ben sa, è tutelato costituzionalmente”. Le dichiarazioni sono state riferite ai giornalisti da Stefano Pagliantini, direttore del dipartimento di giurisprudenza a cui appartiene Castrucci. Pagliantini gli aveva inviato stamattina una email chiedendo un incontro per un chiarimento. Incontro che gli è stato negato dal professore. “Sono meravigliato da tanto interesse suscitato”, ha aggiunto Castrucci a proposito delle reazioni suscitate dal tweet.
Un procedimento disciplinare e un esposto alla Procura. Cosi' l'università di Siena, attraverso il rettore Francesco Frati, reagisce ai tweet che esaltano il nazismo postati da Emanuele Castrucci, docente dell’ateneo, dove insegna filosofia del diritto e filosofia politica pubblica. Il professore, studioso di Carl Schmitt, posta una foto di Hitler che fa parlare in prima persona: "Vi hanno detto che sono stato un mostro per non farvi sapere che ho combattuto contro i veri mostri, che oggi vi governano dominando il mondo". Alla denunce dell'Ateneo si aggiungono quelle della regione Toscana e della comunità ebraica
Numerose le reazioni, che chiamano in causa anche il rettore dell’ateneo, Francesco Frati. "Il professor Castrucci scrive a titolo personale e se ne assume la responsabilità", replica il rettore. "L’universita’ di Siena, come dimostrato in molteplici occasioni, è dichiaratamente anti-fascista e rifugge qualsiasi forma di revisionismo storico nei confronti del nazismo".
"Ho avuto modo di vedere queste frasi, questi post, e sono incresciosi a mio parere, sono davvero inaccettabili dal punto di vista della nostra Costituzione" afferma il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Lorenzo Fioramonti. "In mattinata - ha riferito il ministro, a margine di un incontro a Firenze - ho sentito il rettore dell’Università di Siena, il professor Frati, che mi ha comunicato l’intenzione di attivare tutti i canali affinché l’Università, ovviamente nel rispetto delle regole, possa tutelarsi come immagine, e poi prendere provvedimenti consentiti dalla legge nei confronti del professore".
Condanna dei tweet filonazisti è stata espressa dalle diverse forze politiche, mentre il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha dato mandato all’avvocatura regionale di "denunciare per apologia di fascismo il signor Emanuele Castrucci, fino a oggi docente all’università di Siena". Anche il presidente della comunità ebraica di Firenze David Liscia, ha annunciato una denuncia alla procura senese.
Per il segretario Dem Nicola Zingaretti quanto accaduto a "Siena è gravissimo. Il negazionismo e il fascismo non devono trovare e non troveranno mai cittadinanza nelle scuole e nelle università italiane". Per Mara Carfagna, vicepresidente FI della Camera "è disgustoso che un docente, che ha il compito di educare e formare i giovani, pubblichi sul proprio account Twitter frasi che esaltano Hitler". Per la vicepresidente M5s della Camera, Maria Edera Spadoni, è "gravissimo il tweet a favore di Hitler. Questo professore dell’Università di Siena deve essere allontanato immediatamente".

13 commenti:

  1. I lecchini nostrani sono i n subbuglio sono chiamati alle esercitazioni di lingua per leccare il padrone Ebreo, come primo esercizio si comincia con lo strisciare ah beh quello non Hanno mai smesso di farlo dal 45, che schifo ! Meglio diventiate Afrika subito !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. IL prof in questione salva l'onore Della categoria che altrimenti andrebbe solo vilipesa per vigliaccheria conclamata dimostrata chiusa in un silenzio omertoso ,xche' I prof adesso sanno hanno internet pure loro possono verificare LA vera storia quella che viene celata dai provveditorati servi dei vincitori ,ma Vallo a spiegare a quella cariatide di Alpha male l'utente giudeo piu ignobile e detestabile dopo l'altro conterraneo e consanguineo Parenzo

      Elimina
    2. si certo... tempo qualche ora e il prof eroe del nostro giudeo analfabeta avrà ritrattato tutto e chiesto scusa! ognuno ha gli eroi che si merita! a proposito di vigliaccheria!

      Elimina
  2. il governatore che denuncia il professore per apologia di fascismo?
    e in quale cinguettio avrebbe esaltato il precedente regime?
    sono basito.

    RispondiElimina
  3. MI ero perso commento di madame Ru bé
    Una statista del livello di Rossi.

    RispondiElimina
  4. Vede alpha male che non capisce niente ,LA stessa cosa l'ha detta pochi giorni fa per un altro prof ,non capisce che quando l'esempio e' dato da un personaggio autorevole piano piano tirano fuori LA testa tutti quanti, ci vuole sempre qualcuno che inizia l'impavido ! certo che da lei alpha male potranno venire solo cattiverie pettegolezzi giudizi bassi degni di un denigratore d'accatto come lei ,non mi provochi aLpha se no LA subisso e ci rimane male mi lasci stare sono un expat tutto sommato pacioso non c'e' confronto lei chissa' da che buco di paese marmittone chatta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  5. La libertà di pensiero è sancita nella Costituzione Italiana e precisamente l'Art.21 della Costituzione recita: Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.Più chiaro di così !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non è così.
      è stato sancito da numerose sentenze che la libertà di pensiero e il detto articolo 21 della C. non vale per chi simpatizza per trapassati regimi. Vale per quasi tutti.

      La Legge Mancino è anticostituzionale perché in contrasto con l’art. 21 della Costituzione che garantisce libertà di espressione ai cittadini. Nel 1974, negli anni del terrorismo comunista, la Corte Costituzionale dichiarò illegittimo l’art. 415 del Codice penale nella parte in cui prevedeva come reato l’istigazione all’odio tra le classi sociali. La motivazione in quel caso era proprio l’art. 21 della Costituzione: due pesi, due misure…

      Elimina
  6. Beh direi di chiamarla liberta' teorica , vedevo adesso fazio e LA litizzetto a difendere il negro dell'agazzanese ahhh comodo farlo quando si ha una casa da cinema un conto corrente da pascia 'auto da pista ecc , ahhh viene facile dare dei razzisti agli altri , voglio vedere fazio abitare vicino a un centro ritrovo di Negri e Pakistani maleducati chiassosi incivili che scagazzano e pisciano dappertutto come animali o LA litizzetto sul treno coi Negri che le toccano I'll culo e non fanno neanche una piega tanto il controllore e LA polizia non ci stanno mai fanno a gara a mosca cieca , o vedere alpha male l'ebreo menomato mentale Girare per milano in stazione centrale senza LA polizia che lo protegge ,I cioccolatini gli farebbero il sedere a gruviera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina

Banner pubblcitario 700