Pavia, presidio antifascista non autorizzato: a processo 7 antagonisti. L'Anpi invita gli iscrtti ad assistere all'udienza - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

martedì 16 luglio 2019

Pavia, presidio antifascista non autorizzato: a processo 7 antagonisti. L'Anpi invita gli iscrtti ad assistere all'udienza

La segreteria nazionale dell’Associazione nazionale partigiani d'Italia lancia un appello a presenziare il 19 luglio il Tribunale di Pavia dove ci sarà un udienza alle ore 9,30 di un processo che vede imputati 7 iscritti alla associazione tra cui anche l'ex presidente Claudio Sparairani, che il 5 novembre del 2016 parteciparono ad un presidio non autorizzato contro un corteo organizzato da militanti della destra radicale. 
Mobilitarsi per protestare contro un corteo apologetico del fascismo, sottolinea l'Anpi non è un reato, d'altronde lo impone la Costituzione della Repubblica.
Questura e Prefettura, continua la nota diffusa dall'Anpi, autorizzarono il corteo neofascista e non concessero agli antifascisti di poter manifestare nel piazzale dedicato a Ferruccio Ghinaglia.
Il presidio antifascista si radunò spontaneamente altrove in modo civile e pacifico, ma nonostante ciò venne caricato dalle forze dell'ordine. Ne seguirono 30 denunce a carico degli antifascisti di cui 23 delle quali archiviate.
"A tutti gli imputati conclude la nota dell' Anpi, vanno la nostra vicinanza e la nostra massima solidarietà

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700