13 febbraio 1945 la tempesta di fuoco distrugge Dresda - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

mercoledì 13 febbraio 2019

13 febbraio 1945 la tempesta di fuoco distrugge Dresda

Dal 13 al 15 febbraio del 1945, durante la seconda guerra mondiale,  la città di Dresda fu pesantemente bombardata da arei degli Stati Uniti d'America e della Gran Bretagna.
Un attacco congiunto condotto dalla Royal Air Force britannica e dalla United States Army Air Force. Il 13 febbraio più di 800 arei inglesi volarono su Dresda scaricando circa 1500 tonnellate di bombe esplosive e 1200 tonnellate di bombe incendiarie. Il giorno dopo, a bombardare la città tedesca furono i B 17 americani che in 4 raid la colpirono con 1250 tonnellate di bombe. Il 15 invece ci fu l'ultima incursione americana alla quale presero parte circa 200 bombardieri.
La città fu rasa al suolo partendo dal suo centro storico, ci fu una strage di civili di cui fu difficile quantificare il numero esatto di morti. 
Prima del bombardamento a Dresda vivevano oltre 600 mila abitanti, tra morti, feriti e scappati, in città rimasero poco più di 200 mila abitanti.
Del bombardamento di Dresda, con un interessante post che pubblichiamo per intero, ci parla Antonio Torre, storico leader della destra radicale partenopea, andato avanti il 16 dicembre del 2012 in un post pubblicato sulla sua pagina Facebook il 13 febbraio di 8 anni fa.
Post che riporto fedelmente.

Dresda 13 febbraio 1945 circa 500 mila tedeschi democraticamente sterminati in una notte


I “democratici”, che affermano di aver “liberato” il popolo tedesco da Hitler, non hanno portato nient’altro che terrore e distruzione. A Dresda, uccisero diverse centinaia di migliaia di persone in una sola notte d’inferno e distrussero innumerevoli tesori d’arte. Le donne che stavano partorendo i propri figli, nelle sale parto degli ospedali in fiamme, si buttarono fuori dalle finestre, ma nel giro di pochi minuti, queste madri con i loro bambini, ancora appesi al cordone ombelicale, furono anch’essi ridotti in cenere. Migliaia di persone che le bombe incendiarie avevano trasformato in torce umane si buttarono negli stagni, ma il fosforo continuava a bruciare anche nell'acqua.Non dobbiamo dimenticare il pensiero democratico di uno dei protagonisti Winston Churchill: “Dovete capire che questa guerra non è contro HITLER o contro il Nazional-socialismo,ma contro la forza del Popolo Tedesco,che deve essere stroncato una volta per tutte ,a prescindere che sia nelle mani di Hitler o di un Gesuita"

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700