Per gli striscioni anti Bergoglio fermati 3 militanti di Rivolta Nazionale - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

lunedì 21 gennaio 2019

Per gli striscioni anti Bergoglio fermati 3 militanti di Rivolta Nazionale

Vaticano: sterco del demonio, Papa sporco massone.Questo e' il testo di uno striscione firmato da Rivolta Nazionale movimento politico della destra radicale guidato da Simone Crescenzi nei pressi dello Stato Vaticano,a Roma. Striscioni per i quali sono stati fermati 3 militanti del gruppo identitario.
Il senso di questa iniziativa politica, ci viene chiarito, con maggiori dettagli da una nota, diffusa alla stampa,che riportiamo per intero.
Questa notte I camerati del movimento politico 'Rivolta Nazionale', hanno attaccato senza troppi giri di parole, quella che reputiamo la ormai dimora di Satana. Nonostante la tempestiva e solerte macchina giudiziaria ci ha denunciati ed avrebbe voluto invano, trattenerci in stato di arresto, siamo qui più fieri che mai con la consapevolezza che le idee non si possono reprimere. Premesso ciò, risaputo e di dominio comune sono  le varie nefandezze che si celano oramai, da decenni dietro quelle che vogliono apparire come vesti sacre. Per tale motivo, abbiamo deciso di rendere azione il pensiero di molti con il coraggio di noi pochi, andando con forza a rimarcare il nostro disprezzo verso Bergoglio Papa attuale e verso meccanismi di potere occulto e finanziario a lui molto affini. Nessun vescovo, nessun prete, nessun vicario, come nessun Papa - se degni di definirsi tali - possono oltraggiare la nostra radice di provenienza identitaria, tramite la continua opera di mistificazione progressista e perversa, studiata e messa in atto sin già dalle segrete stanze. Nessun santone, maggiormente chi  a servizio di lobby massoniche, può permettersi di continuare a proclamare alle masse accoglienza sfrenata con la scusa del "Vogliamoci tutti bene". Nessuna morale da chi prima di pensare al benessere comune, dovrebbe, tra l'altro, pensare sia al radiamento e alla scomunica di "uomini di chiesa" pedofili - circa 2000 casi ogni anno - nonché a pagare tasse (imu arretrato per circa 40 milioni di euro) per le diverse infrastrutture gestite dallo stesso Vaticano nella città di Roma. A ragion di ciò con fermezza rivendichiamo il gesto con disprezzo massimo verso questi giudei e massoni  approfittatori esibendo sulle loro mura e nella loro casa, quello che in realtà è il loro vero simbolo, ovvero una croce capovolta. Le menzogne non potranno mai e poi mai coprire la verità. 

VIVA IL FASCISMO E TUTTI GLI UOMINI LIBERI.

1 commento:

  1. con le città piene zeppe di droga.
    con delinquenti sbarcati col gommone che fanno a pezzi e si mangiano ragazzine.

    RispondiElimina

Banner pubblcitario 700