martedì 4 settembre 2018

Reggio Calabria: denunciati due militanti di Azione Identitaria. La loro colpa: aver criticato l'operato del sindaco Falcomatà

Nel novembre del 2017 il movimento politico Azione Identitaria fu protagonista di una azione politica a Reggio Calabria: l'affissione, con lo scotch, di due manifesti con logo del movimento, recanti il primo le immagini dei danni del maltempo nella città di Reggio Calabria, nel secondo l'immagine del sindaco ritenuto dal movimento responsabile della mancata manutenzione della strade, per questo consigliato a dimettersi.
In relazione di questa azione, di critica politica dell'operato di un primo cittadino, come avviene in tutta Italia, isole comprese, due militanti di Azione Identitaria sono stati raggiunti dalla notifica della proroga delle indagini per un reato riconducibile all'articolo 294 codice penale (Attentato contro i diritti politici del cittadino) come ci racconta una nota, diffusa da Azione Identitaria che pubblichiamo per intero.


Due nostri militanti sono stati raggiunti dalla notifica di proroga delle indagini per un reato riconducibile all’art.294 c.p. a seguito di una denuncia sporta da parte del comune di Reggio Calabria in conseguenza ad un’azione politica di critica all’operato del sindaco Falcomatà.
L’azione, avvenuta nello scorso novembre, è stata subito rivendicata attraverso comunicato stampa ed ampiamente divulgata dagli organi di informazione e si è trattato di attaccare (con lo scotch, quindi senza danneggiare strutture) due simpatici manifesti col nostro logo recanti, l’uno, le immagini dei danni del maltempo nella città di Reggio e, l’altro, la foto del sindaco ritenuto da noi responsabile della mancata manutenzione delle strade ed il consiglio a dimettersi.
L’art.294 c.p. recita “Chiunque con violenza, minaccia o inganno impedisce in tutto o in parte l’esercizio di un diritto politico, ovvero determina taluno a esercitarlo in senso difforme dalla sua volontà, è punito con la reclusione da uno a cinque anni".
Nell’apprendere tale accusa non abbiamo potuto fare a meno di sorridere poiché è l’ennesima conferma di un clima di “democrazia personalizzata” che ci viene da una certa area politica, al comune di Reggio Calabria non si crede nella democrazia ma la si decanta e non si accettano critiche politiche nonostante l’incapacità amministrativa sia tangibile per chiunque.
La cosa triste, e che merita tutto il nostro (ed il vostro) disgusto è che si tiene impegnato del personale giudiziario in indagini (6 mesi + 6 di prolungamento delle stesse) per immaginari reati, partoriti da una mente capricciosa, quando tutti conosciamo bene la lentezza della giustizia in Italia.
Probabilmente chi ha voluto questo spreco non ha una corretta percezione della realtà calabrese altrimenti avrebbe evitato di intasare i tavoli giudiziari con le denunce contro il nulla per rispettare la priorità di indagare su reati veri e, soprattutto, penalmente gravi, ma, si sa, il delirio di onnipotenza non va mai a braccetto col buonsenso per cui, dall’alto della nostra onesta coscienza, ci sentiamo di consigliare all’autore della denuncia di “stare sereno” poiché il “diritto di critica politica” è previsto dalla legge come esimente dal reato di diffamazione ed a maggior ragione se rispecchia la verità dei fatti.
Non è nostro stile scadere in attacchi personali né offendere o minacciare nessun avversario politico, noi critichiamo i fatti e, contrariamente a tanti altri, proponiamo soluzioni alternative senza pretese alcune, pertanto, consapevoli di essere nel giusto, provvederemo ad incorniciare la notifica di “proseguimento indagini” come una simpatica vignetta umoristica sulla quale farci qualche risata.

0 commenti:

Posta un commento