Serenissimi 2, il pm di Rovigo chiede 31 rinvii a giudizio e 15 proscioglimenti - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

sabato 16 giugno 2018

Serenissimi 2, il pm di Rovigo chiede 31 rinvii a giudizio e 15 proscioglimenti

 © ANSAQ
Quindici non luogo a procedere e 31 rinvii a giudizio in relazione alla costruzione del tanko, un carrarmato artigianale, con il quale un gruppo di secessionisti lomabardo-veneti voleva occupare nel 2014 piazza San Marco a Venezia, in una riedizione del primo assalto del 9 maggio 1997.
Sono le richieste formulate dal Pm della Procura di Rovigo nell'udienza preliminare per i fatti dell'aprile 2014, quando il mezzo corazzato che doveva servire ad un'azione eclatante a Venezia, in piazza San Marco, venne trovato in un capannone chiamato 'Arsenale', nel Padovano, epicentro del gruppo di secessionisti veneti finti nell'inchiesta, condotta dai Ros, per associazione sovversiva. All'esterno del palazzo di giustizia un centinaio di simpatizzanti degli imputati hanno manifestato con cori e striscioni. L'udienza è stata aggiornata al 14 luglio prossimo.
La montagna ha partorito il topolino. Nell aprile 2014 l’accusa mossa dalla Procura di Brescia era stata quella di terrorismo (270 bis c.p.): 24 i provvedimenti restrittivi, 51 indagati in totale e 33 le perquisizioni ordinate dalla procura della Repubblica di Brescia e che hanno interessato il Veneto. Tra gli indagati nell’operazione anche un leader del movimento dei Forconi e un ex deputato, Franco Rocchetta, sottosegretario nel I governo Berlusconi, passato da Ordine nuovo alla Liga Veneta, considerato l'intellettuale di riferimento dei primi Serenissimi. Gli arresti e le perquisizioni sono state eseguite tra le province di Padova, Treviso, Rovigo, Vicenza e Verona e hanno visto impegnati i militari dei vari comandi provinciali dell’Arma. Tra gli indagati alcune persone vicine al noto gruppo dei Serenissimi e il presidente e la segretaria della Life, l’associazione che avrebbe avuto un ruolo particolarmente attivo nel periodo di contestazione dei cosiddetti Forconi dell’8 dicembre 2013. L’epicentro dell’indagine è Casale di Scodosia, nel Padovano.

2 commenti:

  1. terrorismo.
    no comment.
    le strade piene zeppe di droga.
    stupri. omicidi.furti.

    RispondiElimina
  2. Dopo quattro anni stanno ancora a cincischiare... 'Terrorismo'... Ministro della giustizia, fai qualcosa, liberaci da questi magistrati!

    RispondiElimina

Banner 700