Contro antifascismo ed immigrazione, per i diritti sociali Forza Nuova in piazza il 23 marzo - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

giovedì 15 febbraio 2018

Contro antifascismo ed immigrazione, per i diritti sociali Forza Nuova in piazza il 23 marzo

Il 23 marzo, giorno in cui ricorre l'ottantanovesimo anniversario della fondazione dei Fasci Italia di Combattimento, Italia agli Italiani, il cartello politico elettorale fondato da Fiamma Tricolore e Forza Nuova e da un discreto numero di associazioni e movimenti territoriali riconducibili al variegato mondo della destra nazional-popolare ha organizzato a Roma, un corteo intitolato Casa e lavoro agli Italiani.
Il senso di questo corteo del 23 marzo, giorno in cui si dovrebbe insediare il nuovo parlamento, eletto dal corpo elettorale italiano domenica 4 marzo, ci viene spiegato, con maggiori dettagli, da una nota, diffusa alla stampa, dal coordinamento romano di Italia agli Italiani.


Tutti ricordano le polemiche suscitate dalla scelta di Forza Nuova di manifestare il 28 ottobre scorso.
Il sistema antifascista mobilitò i suoi cani da guardia per impedirci di manifestare.
Quella presa di posizione portò alla marcia dei patrioti il 4 novembre, dalla quale nacque il fronte che oggi si candida sotto un solo simbolo.
Ebbene, sabato 10 febbraio decine di cortei antifascisti hanno profanato il giorno del Ricordo dei martiri delle Foibe. Insultando morti italiani.
Il tutto con il sostegno dei soliti Boldrini, Saviano, Sofri e compagneria varia.
Mentre la galassia neofascista si é limitata al piagnisteo sterile degli sconfitta.
Ebbene non staremo a guardare.
Visto che una data vale l'altra, il 23 marzo prossimo, giorno dell'insediamento del nuovo parlamento, Italia agli Italiani sarà in piazza a Roma con una manifestazione di patrioti per i diritti sociali e per chiedere il rimpatrio di tutti gli immigrati presenti in Italia.
Inoltre, il 23 marzo, giorno della nascita del Fascismo, ricorderemo tutti i combattenti caduti per la Patria e la giustizia sociale.
Provassero a vietarcelo stavolta. Noi ce ne freghiamo e non accetteremo compromessi.
Nessuno può toccare i nostri morti, nessuno distruggerà il futuro dei nostri figli.
Il 23 marzo un quartiere popolare romano vedrà le nostre bandiere nere, sentirà il rullo di tamburo e sentirà la voce degli italiani che non si arrendono.
Italia agli italiani è il grido di battaglia, Giuliano e Consuelo liberi.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700