Raccolta firme di CasaPound a Monza. Finisce in una disfatta la contestazione antifascista - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

sabato 20 gennaio 2018

Raccolta firme di CasaPound a Monza. Finisce in una disfatta la contestazione antifascista

Un banchetto organizzato a Monza da CasaPound per la raccolta firme in vista delle elezioni è degenerato in tafferugli tra i militanti "Lealtà e Azione" e un gruppo di antagonisti dei centri sociali. Il bilancio finale è di 4 poliziotti feriti, 16 persone denunciate per rissa (tra compagni e camerati) e 40 (tutti antagonisti) per manifestazione non preavvisata.
Una quarantina di giovani appartenenti ai centri sociali si sono presentati nella stessa piazza dove era stato posizionato il banchetto di CasaPound, per distribuire volantini contro la loro iniziativa.
La polizia, per evitare problemi, ha chiesto ai militanti di CasaPound di spostarsi in un'altra zona. Durante le fasi di spostamento dei due gruppi, secondo quanto ricostruito dalla polizia, militanti di "Lealtà e Azione", arrivati nel centro storico di Monza pochi minuti prima, hanno intercettato gli antagonisti e si sono scontrati, lanciandosi sampietrini, bottiglie e sfoderando le cinture dei pantaloni, tra le bancarelle del mercato cittadino.
La polizia è quindi intervenuta frapponendosi tra i manifestanti, dividendoli utilizzando scudi e manganelli. Nessun ferito registrato tra i civili, mentre due poliziotti e due dirigenti (uno della Digos, l'altro del commissariato di Monza) sono stati accompagnati in ospedale per contusioni provocate dai sassi.
Un testimone diretto, Pier Franco Mortara, lo scrittore nichilista che ha appena pubblicato "Dalla parte sbagliata" un romanzo autobiografico sulla violenza politica negli anni 70 in provincia racconta di un'autentica disfatta degli antagonisti, picchiati prima dagli skin e poi dai negozianti:

RAGGUAGLIO. alle zecchine tristi è andata male. Mentre CP ha tirato su una trentina di firme. Loro si spostavano verso il presidio di CP. Sulla strada chi ti trovano???....i ragazzi di Lealtà Azione ( ovvio...li aspettavano). Giusto gente che di problemi democratici ne ha pochi. Razzolate a tutto andare e nella fuga si infognano nel contiguo mercato rionale. Altre botte da parte dei negozianti. Alcuni ciaina inseguiti a coltellate da parte dei negozianti. Ma. Dura essere di sinistra. Ormai.
Tutto normale? Certamente. Reparti celere al completo, agenti in borghese e...presidio antifascista.
Avrò ricordi un po' particolari ma vedere una ventina di ( si fanno chiamare) antagonisti raicimolati con estrema fatica tra gli studenti monzesi mi ha dato un vero schock. Ma come, in una città come Monza fare fatica a mettere insieme un presidio di antifa...significa che questi sono oltre la frutta.
Della sinistra, in Italia frega più nulla a nessuno. Sopratutto ai giovani.
Il problema che il potere è in mano a loro. Alla sinistra. Ed i media ti costringono ai consueti progrom antifascisti. Ma poi la gente fa giustamente il cazzo che vuole. Infatti, a parole, si dicono di sinistra. Poi in poltica fanno le destre. L' antifascismo è ormai solo paura di essere smascherati. Nullità siete e rimarrete.
P.s. per la cronaca la raccolta voti è proseguita regolare. Quelli di CASA POUND ( che a Monza non ha sede) pur essendo anche di più degli antifa hanno accettato con slancio democratico di spostare il gazebo. Io non lo avrei fatto. Avevo voglia di prendere il tavolino e mettermi di fronte a loro. Da solo bastavo per venti mezze seghe. Almeno la metà le avrei stese prima di soccombere. Trenta anni di karate servuranno pure. O no. Ma CASA Pound è democratica. Io no.

4 commenti:

  1. Concordo al 100x100 con quanto scrivi...comunque le zecche, poco importa quante sono, anche 1 è sempre troppa...sogno rastrellamenti di vendetta contro le zecche per fargli pagare ciò che i partigiani fecero a noi...non così crudeli, però una bella pulizia senza troppo casino, senza siparietti o trofei in piazza, troppo il disgusto meno si vedon meglio è...a noi camerati

    RispondiElimina
  2. Concordo al 100x100 con quanto scrivi...comunque le zecche, poco importa quante sono, anche 1 è sempre troppa...sogno rastrellamenti di vendetta contro le zecche per fargli pagare ciò che i partigiani fecero a noi...non così crudeli, però una bella pulizia senza troppo casino, senza siparietti o trofei in piazza, troppo il disgusto meno si vedon meglio è...a noi camerati

    RispondiElimina
  3. probabilmente non è uno scrittore nichilista, ma di fantasy! visto che la ricostruzione dei fatti non trova corrispondenza in nessun resoconto giornalistico!

    RispondiElimina
  4. Gli ebrei come alpha male devono sempre farsi distinguere tanto lo SIETE gia'di natura diversi da NOI ,2000-3000 anni e ancora vi fate odiare da tutti! Sara' mica colpa sempre DEGLI altri da un capo all'altro dal globo sempre disprezzati ,piace a voi ,continuate cosi' !

    RispondiElimina

Banner 700