CasaPound: la Cassazione conferma. Il saluto romano al cimitero non è reato - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

venerdì 15 dicembre 2017

CasaPound: la Cassazione conferma. Il saluto romano al cimitero non è reato


Il saluto romano per commemorare i defunti non è apologia di fascismo. La conferma di questo principio, più volte espresso nella giurisprudenza più recente, arriva dalla I sezione della Cassazione, che oggi ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dalla procura generale di Milano contro la sentenza con la quale la Corte d'Appello del capoluogo lombardo aveva confermato l'assoluzione del vicepresidente di CasaPound Italia Marco Clemente e di un altro militante del movimento. I due sono stati processati per avere fatto il saluto romano durante la commemorazione, il 29 aprile 2014, di Sergio Ramelli, lo studente attivista del Fronte della Gioventù ucciso a Milano nel 1975 da militanti di Avanguardia operaia.


"Ancora una volta la Cassazione ha riconosciuto un principio che in uno Stato di diritto dovrebbe essere scontato per tutti  - sottolinea in una nota il leader di CasaPound Gianluca Iannone -, e cioè che il diritto a commemorare i morti non può essere messo in discussione. Non è la prima sentenza della Suprema Corte in questo senso, ma speriamo che possa mettere fine alle ciniche speculazioni di chi non ha rispetto nemmeno delle cose più sacre. All'Anpi, che in questo processo si era costituito parte civile, vogliamo ricordare che l'apologia di fascismo è un reato che integra delle fattispecie specifiche e non può essere invocato a casaccio da chi vuole chiudere la bocca agli avversari politici".

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700