venerdì 11 agosto 2017

Milano, il sindaco contesta l’archiviazione per i saluti romani al cimitero: segno terribile

Giuseppe Sala, sindaco di Milano, si schiera, senza se e senza ma, con la locale sezione dell'associazione nazionale partigiani d'Italia affermando di non aver compreso bene decisione dei pubblici ministeri milanesi di procedere all'archiviazione nella vicenda dello scorso 29 aprile, quando centinaia di militanti di Casa Pound Italia e di Lealtà Azione si radunarono per commemorare i caduti della Repubblica Sociale con tanto di saluto romano sfidando le autorità come ci racconta, con un interessante articolo Il Fatto Quotidiano.
Articolo che riportiamo fedelmente.


Non ci sta, Giuseppe Sala. L’archiviazione dell’indagine per apologia di fascismo dopo il saluto romano di gruppo nel Campo X del cimitero Maggiore viene mal vista dal sindaco di Milano. “Nel rispetto di quello che dice la magistratura sono totalmente con l’Anpi. Anche per me è stata una grande sorpresa, obiettivamente è stato un segno veramente terribile per la nostra città”, ha commentato Sala.
Alcuni giorni fa, i pm milanesi hanno deciso di procedere all’archiviazione nella vicenda dello scorso 29 aprile, quando centinaia di neo-fascisti si radunarono per commemorare i caduti della Repubblica sociale italiana in occasione dell’anniversario dell’omicidio di Sergio Ramelli, sfidando il divieto che le autorità avevano imposto nel giorno della Liberazione. “Non capisco perché la decisione sia andata in quel senso – ha aggiunto Sala durante la commemorazione dei martiri dell’eccidio nazi-fascista di piazzale Loreto – Essendoci stati tutti gli elementi per definire una chiara apologia del fascismo e identificare le persone. Quindi sono con l’Anpi al 100 per cento”.
La procura aveva identificato 70 persone e iscritto nel registro degli indagati più di 10 persone, identificate tramite le foto che erano state diffuse sui social network dagli stessi militanti. Ma dopo due mesi d’indagine, ha deciso di non procedere nei loro confronti non ravvisando “pericoli di suggestione” e “attrazione”. “Rispetto le altre istituzioni – ha concluso il sindaco di Milano – ma mi sembra una cosa difficile da capire e da spiegare alle persone per bene come queste, che sono qua oggi. Come facciamo a spiegare loro perché non si perseguono persone che con questa sfrontatezza manifestano una ideologia che il Paese ha condannato?”.

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.