martedì 30 maggio 2017

Per Scalfari e Mieli Fini incarnava la destra perbene

(G.p)Dopo la rottura con il Cavaliere, la Repubblica ed il Corriere della Sera, principali quotidiani italiani per numero di copie vendute, innalzarono Gianfranco Fini ad alfiere dell'anti berlusconismo. A quel tempo però, come ha chiarito l'inchiesta, il tanto osannato Gianfranco era già invischiato con Corallo, come ci racconta il collega Adriano Scianca dalle colonne de la Verità quotidiano diretto da Maurizio Belpietro, con un interessante articolo, che riportiamo per intero.

Un'altra destra è possibile: ci avevano creduti in tanti, non tantissimi, in verità, a giudicare dai risultati elettorali, alla scommessa di Gianfranco Fini, poi naufragata in imbarazzanti quadretti familiari e tesori milionari sotto al materasso. Ma a benedire con quelle parole alate la ribellioni finiana al berlusconismo non era stato un vecchio missino stanco dei bunga bunga e delle corna nelle foto ufficiali, bensì Ezio Mauro.
Erano i giorni del dito alzato contro la presidenza del PDL e del che fai mi cacci? e un editoriale di Repubblica illustrava lo scontro tra i due leader vedendovi in filigrana due mondi alleati ma inconciliabili. Due vere e proprie lingue diverse: una è una cultura conservatrice, in senso moderno, repubblicana e costituzionale. L'altra è estremista e rivoluzionaria, proprietaria e post-costituzionale.
Addirittura. Il corteggiamento di Repubblica all'ex leader missino, in realtà, durava già da qualche anno, da prima emergesse la faida col Cav.
Massimo Giannini lo aveva intervistato 5 volte tra il 2006 ed il 2007. Nel 2009, il futuro conduttore di Ballarò lodava il profilo moderno e post ideologico del finismo, che dava vita ad una destra delle idee, che ruota attorno a 3 perni valoriali: dignità della persona( e quindi tutela dei diritti, a prescindere dal calore della pelle) difesa delle istituzioni( rispetto e bilanciamento dei poteri) laicità dello stato( quindi libertà religiosa ma primato delle leggi).
In questa piattaforma programmatica, a volerla vedere, c'era già la negazione del berlusconismo. Un endorsement in piena regola, che non poteva non avvalersi dell'assenso del Papa laico della cultura di sinistra: Eugenio Scalfari.
Il 21 giugno 2009 , Barbapapà faceva il punto della crisi del berlusconismo permettendosi di suggerire al Quirinale di sciogliere le camere senza però indire subito nuove elezioni. No, bastava trovare una figura istituzionale che conduca il paese alle urne. Nel caso specifico la figura istituzionale si può ravvisare nel presidente della Camera, che assomma in sé un duplice requisito: è la terza carica dello Stato, ed è anche il co-fondatore, insieme a Berlusconi del partito di maggioranza relativa.
Viste quante ne ha combinate da presidente della Camera, chissà che inciuci avrebbe messo su da premier. Ma non se ne è fatto nulla, e la sinistra ha presto urlato al martirio. Particolarmente zelante, Roberto Saviano aveva difeso Fini dalle prime inchieste giornalistiche sulla casa di Montecarlo, nate, secondo lui, quando l'ex leader di Alleanza Nazionale cominciò a dissentire da alcune posizioni a proposito di giustizia e legalità. E, agli allievi della scuola di giornalismo di Perugia, aveva spiegato che la macchina del fango è un meccanismo vecchio, citando Falcone, Pasolini, addirittura Matteotti. Quando si dice il senso delle proporzioni. Del resto nel maggio del 2011, Fini aveva ricevuto Saviano a Montecitorio esprimendo stima e considerazione, sembra ricambiati dallo scrittore.
Insomma dal fondatore al direttore passando per l'editorialista santone, tutta Repubblica si era schierata come un sol uomo al fianco della destra europea, passando peraltro sopra alle prosaiche questioni di concorrenza. L'ascesa di Fini è stata infatti sponsorizzata con particolar forza dal gruppo Rcs ed in particolar modo da Paolo Mieli. Secondo voci mai confermate, ma alla cosa alludono vari giornalisti ed intellettuali in articoli dell'epoca, da Socci a Giuli fino a D'Agostino, l'ex direttore del Corriere della Sera, sarebbe stato il ghostwriter, o almeno uno dei principali suggeritori del libro di Fini, il futuro della libertà.
In genere per queste cose si scomoda uno stagista o un giornalista compiacente. Se si scomoda Mieli, significa che c'è un investimento politico dietro.
Ma, sul punto, va detto che il più lungimirante era stato di nuovo Scalfari che il 17 aprile 2010 scriveva: "Fini è ancora rilevante perché potrebbe mettere in crisi il governo, ma nella del suo fucile ha soltanto quella cartuccia. Sparata quella non ne avrebbe più nessuna altra e la partita passerebbe in altre mani. Era tutto già scritto.




0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.