sabato 17 dicembre 2016

Marra, CasaPound manifesta in Campidoglio, Raggi si dimetta


(G.p)Nella mattinata di venerdì 16 dicembre i carabinieri del comando provinciale di Roma hanno arrestato, con l'accusa di corruzione Raffaele Marra, fedelissimo del sindaco Virginia Raggi e capo del personale del Campidoglio. Insieme a lui è finito in manette l'immobiliarista Sergio Scarpellini. La vicenda risale al 2013 ed è legata alla compravendite delle case Enasarco con Marra che avrebbe comprato un'abitazione grazie a 367 mila euro che gli avrebbe dato lo stesso Scarpellini.
L'arresto del capo del personale del comune di Roma, amministrazione guidata dal Movimento Cinque Stelle non poteva non avere ripercussioni politiche con diverse forze politiche di centro destra ma anche di sinistra, come Sinistra Italiana, che a gran voce hanno chiesto le dimissioni del sindaco Raggi. A scendere celermente in piazza, manifestando in Campidoglio, è stata Casa Pound, come ci racconta, il sito di informazione politica Agenparl.it con un interessante articolo, che riportiamo fedelmente.


Una cinquantina di militanti di CasaPound Italia sta manifestando in Campidoglio per chiedere le immediate dimissioni di Virginia Raggi, dopo l’arresto per corruzione, questa mattina, del suo braccio destro Raffaele Marra. Sventolando tricolori e bandiere con la tartaruga frecciata, i militanti espongono uno striscione con su scritto “Raggi ‘sindaca’ degli sfratti agli italiani”, con riferimento alle due famiglie di via del Colosseo sgomberate e lasciate in mezzo a una strada alcuni mesi fa dal Comune a Cinque Stelle e ai diversi altri sfratti comunicati dall’amministrazione capitolina. “Raggi ha fallito su tutti i fronti – sottolinea CasaPound – La giunta continua a perdere pezzi, e ora arrivano anche gli arresti per corruzione. Altro che onestà, trasparenza e pulizia a Cinque stelle. Di fronte a una simile debacle alla Raggi non resta che dimettersi”.

2 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Marra è un dirigente del comune di Roma che è stato assunto con un concorso di Stato ed ha 'servito' diversi sindaci di centrodestra e centrosinistra e non può essere licenziato da un sindaco.
    I FATTI di cui all'arresto si riferiscono a una compravendita di un appartamento avvenuta nel 2013 sotto la consiliatura MARINO, Pd.
    Raggi lo ha demansionato relegandolo a capo del personale e non al patrimonio del Comune di Roma.
    Se un dipendente di un comune con incarichi amministrativi (assunto con concorso pubblico) commette un reato con la giunta precedente e viene arrestato, la colpa è per caso del nuovo sindaco?
    Ps. Sala è indagato, e De Luca pure. Non la Raggi. Non facciamo confusione .
    I fatti di Marra risalgono al 2013. Amministrazione Marino.

    Personalmente mi sembra l'ennesimo attacco mediatico contro la giunta 5stelle a Roma, che seppur con difetti e problemi gestionali (chi non li avrebbe nella capitale di oggi?) torna ad essere sotto il fuoco dell'informazione. La Raggi non si fidò della diffidenza di Grillo su Marra (ma non era quindi la bambolina del leader secondo i media?va beh sorvoliamo..) e a quanto pare fece male. Un errore?certo, che capita sicuramente in un periodo poco felice dopo le dimissioni (giuste) della Muraro. Cosa fare quindi? dimettere tutta la giunta per uno che fino a ieri era collaboratore della giunta Marino di cui non si sapeva manco il nome?(oibò..) Il caso è servito su di un piatto d'argento ai media, e i 5 stelle non sono esenti da colpe ), ma hanno ringraziato la magistratura per aver fatto luce su cose di cui non potevano certo sapere.

    RispondiElimina

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.