mercoledì 5 ottobre 2016

I settanta anni del Msi: la Fondazione An presenta domani a Roma la mostra


(G.p)Giovedì 6 ottobre con inizio alle ore 12, la Fondazione Alleanza Nazionale avvierà le attività della nuova sala convegni in via della Scrofa 43 a Roma. In quest'occasione verrà presentato alla stampa ed all'opinione pubblica la mostra "Nostalgia dell'avvenire" che racconta dettagliatamente la storia del Movimento Sociale Italiano a 70 anni dalla nascita. 
La mostra sarà inaugurata ed aperta al pubblico negli stessi locali il 20 ottobre. 
Alla conferenza stampa di presentazione parteciperanno i consiglieri di amministrazione della Fondazione An, tra i quali Gianni Alemanno, Maurizio Gasparri, Ignazio La Russa, Altero Matteoli e il presidente della Fondazione Franco Mugnai. Saranno inoltre presenti il curatore della mostra Giuseppe Parlato e Marcello Veneziani direttore scientifico della Fondazione.
Secondo prime indiscrezioni l'allestimento segue le tappe salienti della storia del MSI, le diverse segreterie politiche succedutesi nel tempo ed ha una interessante sezione tematica dedicata ai cosiddetti luoghi del cuore dell'italica destra, da Triste all'Alto Adige, passando per Reggio Calabria e la sua rivolta di popolo ed altre sezioni dedicate al sindacato, alla cultura, alla riviste ed alle pubblicazioni, al mondo giovanile ed alla sue differenti organizzazioni politiche presenti in seno al Partito.
L'obbiettivo, afferma il senatore Franco Mugnai è quello di realizzare una storia illustrata del Movimento Sociale Italiano dove trovano cittadinanza ed adeguato spazio non solo i leader politici protagonisti di quel percorso ma anche e soprattutto il popolo missino, che sempre, senza chiedere nulla in cambio, ha supportato le battaglie politiche di una classe dirigente ostracizzata ed osteggiata.
Dalle sezioni missine nel corso di 70 anni di storia politica, sono passati migliaia di italiani, studenti, lavoratori, disoccupati, uomini e donne militanti di un partito che si volle chiamare movimento per distinguersi dalla partitocrazia ed ambiva ad essere l'alternativa al sistema partitocratico.
Un progetto politico, condiviso nel corso di 70 anni, da milioni di elettori e centinaia di migliaia di attivisti, che vale davvero la pena di ricordare, speriamo anche con una serie di convegni e mostre da Bolzano a Palermo.







0 commenti:

Posta un commento