domenica 10 luglio 2016

CATEGORIA:

Gli omaggi degli antifascisti ad Emmanuela Florino presto mamma


(G.p)La storica sezione del Movimento Sociale Italiano intitolata a Giovanni  Berta, ora sede di Casa Pound Italia, sita in   Via Foria, a Napoli, è stato di nuovo oggetto di vandalismo da parte di ignoti, che hanno imbrattato di vernice rossa il portone di ingresso del palazzo ed una uscita secondaria. Sul portone di ingresso è stato scritto, con vernice rossa la seguente scritta Manu : aborto. Chiaro ed evidente il riferimento ad Emmanuela Florino,  combattiva portavoce napoletana del movimento guidato da Gianluca Iannone, in attesa di un bimbo, alla quale esprimono la mia solidarietà per il brutto gesto di cui è stata vittima.
A difesa di Emmanuela e del suo diritto ad essere donna e madre è prontamente giunta una replica agli ignoti autori del gesto da parte di Casa Pound Napoli, pubblicata sul loro profilo facebook che rilancio per intero.


I nuovi amministratori della città di Napoli non smettono mai di stupirci in peggio. Stavolta nel mirino della loro cattiveria gratuita ed ignoranza Emmanuela Florino, nostra militante e portavoce, in attesa di un bimbo.
Questi soggetti auspicano la morte anche di chi ancora deve venire al mondo e sono gli stessi che poi vorrebbero parlare di donne maltrattate, infanzia e solidarietà.
Mai ci abbaseremo a questi livelli. Solo i Centri Sociali sostenitori del sindaco De Magistris, della De Majo, di Andreozzi ed Ivo Poggiani (quelli che dovrebbero rappresentare i cittadini) possono portare la politica su un piano così meschino, schifoso e personale.
Attendiamo l' indignazione di giornali e dei politici.
In ogni caso e ancora di più: mai come voi!

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.