domenica 24 aprile 2016

Teodoro Buontempo: la politica e la radio alternativa

(G.p) Sono passati tre anni dalla scomparso di Teodoro Buontempo, storico punto di riferimento della destra romana, leader naturale, sempre in prima fila nel Movimento Sociale Italiano, in Alleanza Nazionale, infine ne la Destra, partito che ha fondato insieme a Francesco Storace.
Il collega Alessandro Alberti, autore di Radio Alternative, la destra che comunicava via etere, un interessante libro sul mondo delle radio alternative di "destra" ci traccia un suo personale ricordo dell'uomo e del politico Buontempo, che va ricordato anche per essere stato nei primi anni 70 animatore di Radio Alternativa, storica emittente radiofonica romana vicina al Movimento Sociale Italiano.





Tre anni fa ci lasciava Teodoro Buontempo (Carunchio,21 gennaio 1946 - Roma, 24 aprile 2013). È stato indubbiamente tra i politici che più hanno dato alla destra italiana, sia in termini umani, politici e morali. Iniziò giovanissimo la propria attività politica, guidando ad Ortona (Chieti) dove studiava, le organizzazioni giovanili missine. Successivamente si trasferì a Roma per studio, vivendo di stenti e dormendo in macchina oppure nella stazione di Roma Termini. Dotato di una forte personalità iniziò a farsi conoscere anche nell'ambiente politico missino della capitale, ricoprendo gradualmente vari incarichi. Fu infatti il primo segretario del Fronte della Gioventù di Roma, dopo essere già stato dirigente della Giovane Italia. Questo incarico lo rese celebre nonché leader indiscusso del FdG, per aver creato un clima politico adatto e costruttivo che rassereno' l'ambiente, altrimenti più concorrenziale e spesso conflittuale tra le due anime del partito: quella almirantiana e quella rautiana. Guiderà successivamente la Federazione romana del MSI dal 1989 al 1992. Nel 1992 sarà eletto alla Camera dei Deputati nelle liste del Movimento Sociale Italiano. Continuerà la sua carriera parlamentare venendo rieletto nelle liste di Alleanza Nazionale nel 1994, nel 2001 e nel 2006 sempre alla Camera. Il 26 luglio 2007 aderisce al movimento La Destra di Francesco Storace. Innumerevoli sono gli episodi di attività politica e parlamentare del politico abruzzese, ma il suo nome resta indissolubilmente legato a Radio Alternativa sua vera e propria creatura. Teodoro Buontempo arriverà anche ad indebitarsi pur di mantenerla in vita. RA prende vita dopo che nel 1976, per una condanna emessa poco prima delle elezioni. Condanna relativa alla partecipazione ad un corteo non autorizzato che di fatto impedì a Buontempo di candidarsi nelle liste del MSI. Ma come già accennato la personalità di Teodoro era molto spiccata, non si perse d'animo e, come ebbe modo di affermare:"La politica allora era meglio di adesso, bastava solo aver voglia di fare". Presentò la sua idea che vide molti volti increduli ma ottenne il lasciapassare da parte del partito. Fu così che insieme alla moglie Marina Vuoli prese il via la straordinaria esperienza di Radio Alternativa. Gli studi vennero collocati nella sede di via Sommacampagna a Roma. Fu uno degli esperimenti più riusciti nell'ambito dell'emittenza di destra. Fin dall'inizio raccolse l'entusiasmo di numerosi giovani che frequentavano assidui la sede della radio. Ognuno aveva il suo compito. Le risorse umane erano tante per cui RA ebbe modo di perfezionare negli anni il suo palinsesto. Dalla contro informazione dei numerosi giornali radio che veniva confezionata attingendo a giornali di partito come Il Secolo d'Italia, Linea ed altri e le agenzie dell' Ansa. Alle numerose rubriche politiche e culturali. Queste ultime riguardavano i più svariati argomenti: Musica Alternativa, recensioni librarie, intrattenimento. Per quanto concerne la musica esistevano anche rubriche specifiche per genere musicale quindi: leggera, pop, jazz, blues etc trasmesse in giorni diversi durante la settimana. Non mancarono momenti difficili come l'attentato poi sventato alla sede della radio, o la lunga drammatica diretta di 36 ore che tenne impegnato Ruggero Bianchi famoso speaker di RA, ai microfoni per relazionare i militanti dopo i tragici fatti di Acca Larentia in cui tre giovani missini: Francesco Ciavatta, Franco Bigonzetti e Stefano Recchioni furono barbaramente assassinati. Teodoro Buontempo creatore, organizzatore, anima di Radio Alternativa una delle prime emittenti di destra, avrà un ruolo fondamentale anche a livello sociale. Trascorreva le ore notturne al telefono della radio ad ascoltare e rispondere all'appello di molte persone disperate per svariati motivi: la piaga della droga, la mancanza di lavoro, di una casa. Inoltre si preoccupo' di mantenere radiofonicamente ma anche all'atto pratico, i contatti con gruppi di fabbrica, casalinghe,pensionati. In buona sostanza le fasce deboli e spesso marginalizzate della società. Ovviamente l'attività di RA fu molto più articolata e moltissimo altro ancora costituisce la storia di questa favolosa esperienza. Senza l'idea di Teodoro Buontempo, la capitale non avrebbe avuto modo di conoscere così diffusamente il pensiero ma anche l'azione della destra. Per questo motivo, a distanza di tre anni dalla sua scomparsa Teodoro Buontempo ci manca. Manca alla società, alla stessa politica ormai sempre meno coinvolgente, a tutti coloro che ascoltandolo dai microfoni della radio, nei comizi o nei dibattiti, trovavano nelle sue parole una onestà di fondo, la verità della sue argomentazioni, quel cuore e quella passione vitali per una sana politica che vanno estinguendosi. Per questo e molto altro ancora rivolgo alla moglie Marina e ai suoi figli il mio più sincero grazie Teodoro!

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.