domenica 20 marzo 2016

CATEGORIA:

Cosenza, manifestazione di Sovranità:scoppia una rissa con elementi dei centri sociali


(G.p)Questa mattina il movimento politico Sovranità Prima gli Italia avrebbe dovuto svolgere, in quel di Cosenza, una manifestazione politica, regolarmente autorizzata dalle autorità competenti, ma tutto ciò non è avvenuto. Una trentina di persone, aderenti alla sinistra antagonista dei centri sociali, hanno impedito il regolare svolgimento della manifestazione entrando in contatto con i militanti di Sovranità.
Questo brutto episodio di violenza politica ci vediamo raccontato da il Quotidiano del Sud , edizione di Cosenza, con un interessante articolo che pubblichiamo per intero.


Tensioni questa mattina nel pieno centro cittadino dove si sarebbe dovuta svolgere una manifestazione organizzata dall'associazione politica “Sovranità – Prima gli Italiani”. I soci di questa associazione, circa una quindicina, muniti di gazebo, mentre svolgevano attività di propaganda politica, sono entrati in contatto con un gruppo di circa trenta elementi aderenti ai centro sociali, il cui scopo era impedire lo svolgimento della manifestazione.

Ne scaturiva una rissa al termine della quale uno degli appartenenti ai Centri Sociali, rimaneva ferito. L’intervento immediato del personale della Polizia evitava conseguenze peggiori, in quanto i manifestanti, benché continuassero reciprocamente nelle aggressioni, cominciavano a disperdersi. Al termine della contesa, alcuni degli appartenenti a "Sovranità-Prima gli italiani" sono stati accompagnati in Questura ed identificati così come alcuni appartenenti ai locali Centri Sociali, già noti al personale operante.
Alcuni autori della rissa sono stati denunciati.

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.