venerdì 16 ottobre 2015

CATEGORIA:

Convegno tradizionalista a Gaeta in ricordo di Silvio Vitale

(G.p) Da venerdì 16 a domenica 18 ottobre si terrà il XXIII convegno tradizionalista della fedelissima città di Gaeta, organizzato come di consuetudine dalla rivista l'Alfieri e dalla casa editrice napoletana Controcorrente.
Ricco è il programma della tre giorni con ben 52 interventi che si alterneranno nella sala convegni dell'hotel Serapo. Docenti e ricercatori universitari, scrittori, giornalisti, musicisti, medici, antropologi si confronteranno sul tema "Identità in movimento" affrontando vari aspetti legati alle tradizioni ed alla storia del nostro Sud Italia con uno occhio di riguardo anche ad argomenti di stretta attualità , come le nuove strategie portuali per il Sud, la distruzione del patrimonio storico e architettonico di Napoli, le dinamiche geopolitiche della Russia di Putin o la salvaguardia dell’ambiente e delle colture e culture meridionali. L’appuntamento di quest’anno è dedicato inoltre a Silvio Vitale, ideatore del convegno che è diventato una tappa fondamentale per gli studiosi e gli appassionati dell’ex Regno delle Due Sicilie e fondatore della rivista tradizionalista L’Alfiere. Il tema conduttore del convegno è l'identità in movimento, come ci spiega una dettagliata nota, dell'editore Pietro Golia, diffusa alla stampa, che pubblichiamo nella sua interezza.

A Gaeta identità in movimento

Questo è il convegno della svolta. Significativamente si intitola “Identità in movimento”.
Si parte dalla rilettura del Regno delle Due Sicilie, della sua storia, delle sue scelte in termini culturali, economici, sociali, delle alleanze internazionali.
E anche dell’opposizione al liberismo, alla cultura illuminista e alla egemonia anglosassone, i padroni del mondo di allora.
Questa visione complessiva dei rapporti sociali e del grande sviluppo ritorna come destinazione futura del Nostro Sud e dell’Europa. Era ed è un’alternativa totale da costruire.
Quello dei Borbone, tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento, fu il tentativo in parte riuscito di economia pubblico-privato che vedeva lo Stato imprenditore coesistere con un sistema produttivo privato molto avanzato, in quei tempi, sul piano della socialità e della solidarietà. Per i sistemi dominanti allora era una modernizzazione di progresso e di giustizia sociale che li superava tutti.
Questo convegno è anche il ricompattamento nella complessità di tutto il mondo del possibile e delle disponibilità di quanti al Sud debbano alzare la testa e si debbano battere per liberare, unire e rendere indipendente la nostra terra.
Occorre quindi una criticità totale e una riflessione a tutto campo su Napoli e sul Sud.
È possibile incanalare e scardinare le pigrizie intellettuali del folclorismo, dei nostalgici inchiodati all’archeologia storica e a miti incapacitanti?
Il Sud può andare avanti e rinascere contando sulle proprie forze, che sono tutte eccellenze e unicità?
Il Sud può rivendicare un’autonomia, un’indipendenza, la sovranità politica, economica, monetaria, culturale, linguistica, agroalimentare?
Lo stato di crisi di questi giorni affonda le sue radici nelle contraddizioni dell’Ottocento. Palestinesi e talebani ci dimostrano come si può fronteggiare la violenza dell’invasione e della globalizzazione. Il vittimismo, i piagnistei non portano da nessuna parte. Così come pure lo stillicidio di piccole polemiche.
La crisi è provocata da un egemonismo liberista e turbo finanziario che sta moltiplicando contraddizioni, disgregazioni e destrutturazioni di mentalità e di vita. Le stesse politiche alimentari e agricole sono ostaggio dell’affarismo e della speculazione internazionale, degli interessi delle multinazionali.
Si oppone un fronte del rifiuto spontaneo, globale e perfino antropologico. Ovunque nascono nuove soggettività ribelli. Ovunque si concretizza un nuovo sconfinato antagonismo, una guerra civile molecolare, una guerra civile mondiale.
In quest’età del caos, gli Stati Uniti da potenza dominante si sono trasformati in un paese che vede l’oppositore russo diventare da assediato stato assediante. Nello stesso tempo, potenze regionali come la Germania sono ridotte sulla difensiva, perdendo credibilità acquisite nel corso degli ultimi decenni. Mentre paesi come l’Iran, il Giappone, l’India si stanno trasformando in potenze globali. Gli scenari sono radicalmente mutati in pochi mesi, fino al punto di vedere rinascere la Via della Seta – vale a dire quell’insieme di percorsi e rotte commerciali che congiungeva anticamente l’Asia Orientale al Vicino Oriente e al bacino Mediterraneo – con l’accordo tra russi e cinesi, che qualche anno fa sembrava impossibile per reciproche diffidenze e ambizioni geopolitiche. Questo ampio fronte di stati, popoli e culture è coalizzato contro il progetto mondialista e globalizzatore, che è costretto ad arretrare. Il Mediterraneo ha riacquistato la centralità perduta nello svolgersi degli eventi e nello scenario mondiale ed è destinato a riprendersi quella funzione e quel ruolo che gli compete.
Possiamo essere presenti in special modo come Sud sovrano, libero e indipendente?

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.