Firenze, il Comune all'assalto della cassa di Casaggì - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

lunedì 8 agosto 2011

Firenze, il Comune all'assalto della cassa di Casaggì

Via i manifesti di Casaggì
il Comune comincia le pulizie

Dopo le polemiche sul volantino pro-franchi tiratori del centro sociale di destra, scattano le prime multe. E gli operai cominciano le operazioni di ripulitura delle decine di muri con affissioni abusive

DI ERNESTO FERRARA
Detto fatto. Dopo le polemiche sul manifesto di Casaggì, il centro sociale di destra, che invitava a celebrare i franchi tiratori nel giorno della Liberazione di Firenze, Palazzo Vecchio lancia la controffensiva. E comincia l'operazione di ripulitura dei muri della città, da mesi tempestati di manifesti, cartelli e scritte del centro sociale. Gli operai di Quadrifoglio sono già a lavoro per strappare i manifesti e ripulire muri. E per ogni gruppo di affissioni abusive firmate Casaggì (450 quelle censite in città dai vigili urbani), scatterà una multa da 389 euro. Un salasso in nome del decoro. Il sindaco Matteo Renzi ha condannato con forza i manifesti di Casaggì che parlano di commemorazione dei "franchi tiratori fascisti". "Si è passato il limite, presto scatteranno le sanzioni", aveva detto nei giorni scorsi. E ora le multe sono partire per davvero. E il conto per Casagg' rischia davvero di essere salato: 398 euro "a muro" per pubblicità abusiva, è la sanzione prevista dalle norme. E in più, nel caso delle vie del centro storico, la sanzione rischia di essere doppia: possono scattare altri 160 euro per violazione del decoro urbano. Tanto che alla fine il conto totale potrebbe toccare quota 10mila euro.

Una risposta severa per un comportamento che, a pochi giorni dalla celebrazione dell' anniversario della Liberazione di Firenze dai nazifascisti, in programma l' 11 agosto, il sindaco Renzi giudica intollerabile. "Si è
passato il limite, Firenze è città medaglia d' oro della Resistenza - è sbottato nei giorni scorsi Renzi - vedere i muri tappezzati di volantini abusivi che inneggiano a franchi tiratori fascisti è davvero troppo". Non solo. Renzi ha anche chiamato in causa anche il centrodestra istituzionale: "Stupisce che forze ed associazioni che fanno riferimento al Pdl possano sostenere azioni di questo genere".

Il coordinatore fiorentino Pdl Gabriele Toccafondi ha subito preso le distanze dall' iniziativa di Casaggì. "Posso comprendere la commemorazione dei caduti fascisti, anche se non la condivido. Ma commemorare i franchi tiratori, in contemporanea con le celebrazioni ufficiali, è altra cosa", ha detto il parlamentare Toccafondi, uno dei pochi esponenti Pdla partecipare regolarmente ogni anno alla cerimonia dell' 11 agosto a Palazzo Vecchio. "Sia chiaro, noi non ci stiamo: il Pdl sta da una parte sola. Non sta col piede in due staffe. E la nostra parte non è quella dei franchi tiratori", ha pure aggiunto Toccafondi.
fonte: la repubblica.it/firenze

11 commenti:

  1. Toccafondi ha toccato il fondo, con le sue affermazioni,vale a dire, che non sta coi franchi tiratori fascisti, assieme al sindaco!Entrambi stanno dalla parte di Bruno Fanciullacci, il sicario comunista dei GAP, che ha ucciso uno dei più grandi filosofi del novecento, Giovanni Gentile.Di recente le mummie dell'antifascismo fiorentino, hanno chiesto di rimuovere la salma del filosofo, da Santa Maria Novella, ove è stata sepolta, per leso antifascismo.Mentre a Firenze una pubblica via è intitolata al sicario comunista, che dopo aver atteso il filosofo sotto casa sua, con dei libri in mano per sembrare uno studente, al momento dell'uccisione disse: "Uccido l'idea (sic) non l'uomo". Ecco da che parte stanno costoro! TV.

    RispondiElimina
  2. Gli eroi sparavano dai tetti. I vigliacchi traditori, mosche cocchiere degli invasori, massacravano i patrioti.
    Ai macellai medaglie d'oro, ai nostri eroi il tributo di Malaparte e le canzoni non conformi.
    Ci dimenticheremo fortunatamente dei motivi per i quali si sono date patacche d'oro a decine e decine di città in base ad un fenomeno mai esistito (la resistenza, ma contro chi ed a favore di chi?), ma non potremo mai dimenticare chi, fino all'ultimo giorno, ha difeso l'onore d'Italia e d'Europa.
    Italiano

    RispondiElimina
  3. I due commenti anonimi qui postati figurerebbero senz'altro bene in una rassegna di scritti in onore di Gino Bramieri, ma in un manuale di storia contemporanea sarebbero senza dubbio fuori contesto.

    Ci si accontenterà di ricordare che Fanciullacci fu decorato per la sorte che affrontò, non per aver ucciso questo o quell'altro.
    Quindi si può evitare di entrare nel merito, ed affermare che è medaglia d'oro non per aver ucciso Gentile, ma nonostante abbia ucciso Gentile.

    Onore a Casaggì Firenze: le radici profonde non gelano! http://iononstoconoriana.blogspot.com/2011/08/onore-casaggi-firenze-le-radici.html

    Casaggì Firenze, Achille Totaro e le castagne sul fuoco: http://iononstoconoriana.blogspot.com/2011/08/casaggi-firenze-achille-totaro-e-le.html

    Casaggì Firenze: consigli per un'alimentazione sana, economica ed identitaria: http://iononstoconoriana.blogspot.com/2011/08/casaggi-firenze-consigli-per.html

    RispondiElimina
  4. Anche il commento di uno-che-non-sta-con-una-che-è-morta-da-un-pezzo non è male come barzelletta.

    Allora perché la Germania non decora Hermann Goering? Mica devono farlo per ciò che ha fatto in qualità di ministro nazionalsocialista ma *nonostante* questo. Ad esempio, che so, per la proibizione della vivisezione.

    RispondiElimina
  5. Io non ho citato nessuna medaglia d'oro; neanche quelle di Gentile, che ne aveva di altro genere, anche tedesche.Fanciullacci era un temerario, che ha fatto una tragica fine, nell'intento di uccidere le idee e non l'uomo (sic).Sicuramente merita la nostra pietà umana,stessa pietà che però viene negata a Gentile, in quanto le mummie imbalsamate dell'antifascismo, hanno richiesto che la sua salma, venga rimossa da Santa Maria Novella.Io temo che qualche mente esaltata di giovane oltranzista di sinistra, intossicato da simile propaganda politica, voglia emulare il suo mito,uccidendo le idee di un altro suo simile. Senza dimenticare che a lui, è stata dedicata una via pubblica, mentre a Gentile no! TV

    RispondiElimina
  6. fanno bene a rimuovere quella spazzatura. non se ne può più della sporcizia sparsa da quei tipi di casa mago g.

    RispondiElimina
  7. Questi fascisti che invocano pietà umana per i partigiani... Bah.
    Senza contare che l'argomento era le multe a Casaggi, la quale, essendo finanziata dal pdl, se ne puo' permettere di ben piu' salate. Il vero problema e' la necessita' di Renzi di fare cassa, tanto disperata da ridirei a fare multe ad hoc.

    RispondiElimina
  8. Pietà l'è morta, proclamavano tracotanti i partigiani, dopo il 25 aprile 1945, sicuri che i "liberatori" statunitensi dopo essere sbarcati con l'aiuto della mafia siculo- statunitense nella penisola, gli avrebbero sgombrato il terreno dai tedeschi e dai repubblichini. Infierivano i "liberatori" contro un nemico vinto, ma non domato. Pietà per Fanciullacci, si anche se è stato l'assassino di uno dei più grandi filosofi italiani del novecento. Pietà perché ha sacrificato la sua vita per il suo ideale, anche se poi la storia lo ha gettato nella pattumiera (parlo del comunismo ovviamente)senza scordare che l'assassinio di Gentile fu deplorato anche tra gli antifascisti.Pietà che però viene sistematicamente e ferocemente negata ai franchi tiratori, ai repubblichini, ai militanti neofascisti in genere.Ricordo uno slogan dei compagni per le strade di Milano, preda del terrore rosso, negli anni di piombo:"compagno Varalli te lo giuriamo ogni fascista preso, lo massacriamo".Si sentivano gli emuli di Fanciullacci! TV

    RispondiElimina
  9. Anonimo TV, se hai bisogno dell'indirizzo di qualche spaghetteria con cameriere in topless -l'unico ambiente dove godresti di un minimo di credito- esistono ottimi servizi on line in grado di fornirti tutte le informazioni di cui hai bisogno.
    Un modo come un altro di ricordarti che faresti miglior figura ad occuparti di materie alla tua portata, tutto qui.

    RispondiElimina
  10. Per "io non sto con Oriana"; l'unica cosa che abbiamo in comune è che detesto la Oriana Fallaci, più di te! Infatti era stata partigiana in gioventù, filo americana e ciliegina sulla torta ebbe un amorazzo di fine stagione, con Panagulis, anche lui fiero resistente.Una vera e propria mini brigata garibaldina di intrepidi gappisti,ovvio che spetta il comando a te! Concludo replicandoti, non con delle ingiurie come fai tu, ma consigliandoti di leggere cosa scrisse il giovane Giovanni Spadolini, su "Italia Civiltà", a proposito dell'assassino di Gentile, nel 1944 prima che abiurasse il proprio credo politico. TV

    RispondiElimina
  11. Io continuo ad essere curioso di sapere perché il sito Io Non Sto con Oriana si proclami "nero" (oltre che "rosso" e "verde") e come coniughi le citazioni di Jünger e de Benoist con posizioni sprezzantemente antifasciste.

    RispondiElimina

Banner pubblcitario 700