Header Ads


25 aprile: una provocazione situazionista al Pigneto per i morti sul lavoro

 Work will make you free. Cambia la lingua, ma non la grafica e la struttura ad arco. E' evidente quindi la volontà degli autori della provocazione, compiuta stamattina al Pigneto, e immediatamente rimossa per volontà del sindaco di Roma, Gianni Alemanno, che l'ha liquidata come un'infamia e una vergogna: richiamare immediatamente alla memoria  Auschwitz nel giorno della Liberazione. Ma la cosa è un po' più raffinata e complicata della banale citazione:  sul ponticello, infatti, è affisso anche uno striscione rosso a caratteri bianchi con la scritta "Basta morire uccisi dal lavoro e dall'indifferenza - Comitato no morti lavoro" con quattro stelle a cinque punte. Il vecchio, ma sempre vivo nella memoria collettiva, simbolo delle Brigate rosse

5 commenti:

  1. Ottima iniziativa!

    RispondiElimina
  2. Come far venire un'infarto ad Alemanno !!!
    Prima la "buona pasquetta" e oggi "il lavoro rende liberi" ahahahahahah!!!

    RispondiElimina
  3. Con le stelle a cinque punte delle Br? Mi pare strano

    RispondiElimina
  4. @Umt: stelle a cinque punte a parte, quel coso sarà costato un botto! Escluso al 100% che l'abbiamo fatto noi di FN :D

    RispondiElimina
  5. http://www.ilfattoquotidiano.it/2011/04/26/%E2%80%9Cma-quale-apologia-di-olocausto-non/107029/

    RispondiElimina

Powered by Blogger.