Castellino(Forza Nuova): no a messe,si all'Anpi. Questa è tirannia sanitaria comunista - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

venerdì 24 aprile 2020

Castellino(Forza Nuova): no a messe,si all'Anpi. Questa è tirannia sanitaria comunista

"In questi giorni 100 giorni ci sono stati genitori che non hanno potuto seppellire le bare bianche dei loro bambini o anziani lasciati morire soli senza sacramenti né funerali. Mentre all'associazione nazionale partigiani d'Italia viene concesso il diritto di manifestare".
Parole chiare, dirette, che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Giuliano Castellino, dirigente romano di Forza Nuova che dichiara: per fortuna domani saremo in migliaia a cantare Ciao Belli ed a manifestare contro la dittatura sanitaria-comunista contro lo stato di polizia e per la vera libertà.
"Ieri pomeriggio la Presidenza del Consiglio ha dovuto inviare un comunicato dove specificava che non escludeva in alcun modo l'Anpi dalle celebrazioni del 25 aprile, precisando che la circolare uscita giorni fa era indirizzata alle sole autorità pubbliche e, in ragione dei provvedimenti restrittivi legati al Covid-19, intendeva semplicemente limitare la partecipazione delle autorità ed escludere assembramenti. Quindi, precisa Castellino, le associazioni partigiane potranno partecipare alle celebrazioni del 25 aprile. In questi 100 giorni in Italia abbiamo visto genitori a cui è stato vietato sotterrare le bare bianche dei propri figli e abbiamo assistito ad anziani lasciati crepare abbandonati, senza le cure e l'affetto dei propri cari, senza sacramenti e funerali. Abbiamo visto carabinieri entrare in Chiesa e bloccare funzioni religiose, a noi ci hanno denunciato e multato per aver voluto recitare un rosario il giorno di Pasqua. 
60 milioni di italiani, sostiene l'esponente di Forza Nuova, sono da quasi due mesi agli arresti domiciliari senza aver commesso reato, abbiamo serrato le scuole, non si quando potremmo tornare a lavoro, stanno saltando migliaia di aziende e milioni di posti di lavoro a causa della quarantena e di uno Stato di Polizia senza precedenti nella storia, eppure all'Anpi viene autorizzato di manifestare. Sembra di stare ai tempi della rivoluzione francese, seppur non amiamo quella storia, con la Regina che umilia il popolo con la frase (chissà se mai detta) "vogliono anche le Brioches?", dopo che, affamato, aveva assaltato i forni...
Questa mano tesa ai partigiani sembra l'ennesima beffa ad un popolo tradito ed umiliato, affamato ed abbandonato, che invece di ricevere risposte su emergenza, lavoro e futuro, continua a subire reclusione, repressione, multe e veleno ideologico. Questi pagliacci dell'Anpi, continua Castellino, nostalgici di odio e violenza, prima annunciano "una cantata dal balcone" (tornando alle loro radici da disertori e vigliacchi), poi quando si sono visti scavalcare dalla mobilitazione popolare e nazionale delle ore 17, libera da catene ideologiche, da divisioni del passato e proiettate nelle lotte del presente e del futuro, ha chiesto allo Stato di intervenire in loro soccorso a difesa di vecchi privilegi e posizioni di rendita. D'altronde sono finanziati pubblicamente - cioè con i soldi nostri - per spargere odio e divisione, per tenere bloccata l'Italia in un clima di guerra civile e soffocare ogni sussulto di vera lotta di liberazione nazionale. Oggi come 75 anni fa sono al soldo dell'invasore. 
Ieri quello americano, oggi a quello "europeo" e a quello "cinese". Ieri ascoltavano Radio Londra, oggi sono i servi dell'Oms, del 5G e del Mes. Tutto come sempre e lo Stato protegge e tutela i suoi cani da guardia. Per fortuna l'Italia è cambiata e continua a cambiare profondamente. in questi anni abbiamo innalzato i tricolori dove un tempo sventolava lo straccio rosso, oggi le bandiere nazionali e quelle di Forza Nuova si innalzeranno contro la dittatura sanitaria, la quarantena, gli arresti di massa, Immuni e un futuro di catene, controlli e povertà. Le nostre bandiere saranno vessillo di unità, oltre la destra e la sinistra, oltre odi e divisioni, per l'Italia e gli italiani, per la vera libertà e la giustizia sociale". 

25 APRILE ORE 17 TUTTI IN STRADA! PER LA LOTTA DI POPOLO. SIAMO L'ITALIA CHE SI RIBELLA, RESISTE E VUOLE TORNARE LIBERA E SOVRANA, CONTRO L'OMS, LA CINA, IL MES, IMMUNI E BILL GATES. 

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700