Secondo sfregio ai monumenti partigiani di Ravenna con svastiche e insulti - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

venerdì 21 febbraio 2020

Secondo sfregio ai monumenti partigiani di Ravenna con svastiche e insulti

Dopo il sacrario ai caduti della Brigata Cremona di Camerlona di Ravenna, ignoti hanno imbrattato con lo spray nero due monumenti del complesso commemorativo dedicato ai caduti nella strage del ponte degli Allocchi, uno degli episodi più tragici della resistenza ravennate datato 25 agosto 1944. Sui tre lati del cubo sono comparsi il simbolo delle ’SS’ naziste oscurando anche parte delle foto dei caduti, la svastica e l’appellativo ’merde’. Poco distante si legge anche il saluto provocatorio ’ciao Artioli’ indirizzato al presidente provinciale Anpi Ivano. Un episodio che si somma a quelli registrati nelle ultime settimane in Romagna e a Bologna.
Pronta la risposta istituzionale. "Insieme al vice sindaco Eugenio Fusignani ho chiesto al prefetto di convocare un tavolo urgente per rispondere in maniera risoluta al gravissimo oltraggio al monumento del Ponte dei Martiri, uno dei simboli piu’ importanti della memoria dell’intera nostra comunità, che si riconosce nei valori democratici, costituzionali e patriottici". Lo ha scritto su Facebook il sindaco di Ravenna Michele De Pascale dopo il ritrovamento questa mattina dei graffiti nazisti su un monumento commemorativo della strage del Ponte degli Allocchi del 1944. "Le attivita’ di pulizia sono gia’ in corso e saranno terminate tra qualche ora. Lo ribadisco - prosegue il primo cittadino - reagiremo con durezza e metteremo in campo tutte le azioni necessarie a individuare i responsabili e consegnarli alla giustizia. Le indagini sono in corso e le forze dell’ordine sono già in azione",  ha aggiunto.

1 commento:

  1. LA comunita' ebraica ringraziera' sentitamente il buon cane da Guardia fascinazione blog, blog sempre vicino alle problematiche degli ebrei LA piccola vedetta di tassinari e' sempre vigile

    RispondiElimina

Banner pubblcitario 700