Tifoso morto a Potenza, il Riesame manda ai domiciliari 22 ultras - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

venerdì 7 febbraio 2020

Tifoso morto a Potenza, il Riesame manda ai domiciliari 22 ultras

E' tornato a casa, agli arresti domiciliari Salvatore Laspagnoletta, il tifoso del Melfi di 30 anni, arrestato con l'accusa di omicidio volontario ai danni di Fabio Tucciariello, il supporter della Vultur Rionero investito dall’auto guidata da Laspagnoletta il 19 gennaio scorso a Vaglio di Basilicata, alle porte di Potenza. Lo ha deciso il Tribunale del Riesame che ha parzialmente accolto il ricorso dell’avvocato Di Ciommo. Il Riesame di Potenza ha disposto i domiciliari per altri undici tifosi della Vultur Rionero, arrestati e trasferiti in carcere dalla Polizia dopo la tragedia di Vaglio. Si terranno invece l'11 febbraio le udienze per gli ultimi due tifosi vulturini che restano ancora in carcere.
In totale, quindi, il Riesame ha scarcerato e mandato ai domiciliari 22 persone: 21 tifosi vulturini e il supporter del Melfi che era alla guida dell’auto che ha investito Tucciariello. Per un altro tifoso della Vultur, sono stati confermati i domiciliari, che, per motivi di salute e familiari, erano stati già disposti dopo l’interrogatorio di garanzia. E’ invece sottoposto all’obbligo di dimora il venticinquesimo tifoso vulturino arrestato nella notte tra il 19 e il 20 gennaio scorso, Vincenzo Di Lorenzo, rimasto gravemente ferito dopo essere stato colpito dall’automobile di Laspagnoletta e ancora ricoverato all’ospedale San Carlo di Potenza

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700