Vibo Valentia: per l'Anpi il saluto romano del candidato sindaco Limardo è un insulto alla democrazia - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

domenica 21 aprile 2019

Vibo Valentia: per l'Anpi il saluto romano del candidato sindaco Limardo è un insulto alla democrazia

"Quel braccio teso, il candidato a sindaco di Vibo valentia Maria Limardo prova giustificarlo come una goliardata. Una goliardata come lo era l’olio di ricino, il manganello, il confino coatto, la violenza e la guerra che quel saluto rievocano con forza. Come darle torto: per un ventennio gli italiani si sono divertiti un mondo per le gesta goliardiche di un regime dittatoriale".
Parole chiare, dirette che non lasciano dubbi ad interpretazione alcuna, quelle pronunciate da Silvestro Scalamandre, presidente provinciale dell'associazione nazionale partigiani d'Italia dopo che il candidato a sindaco per la coalizione di centro destra, Maria Limardo ha fatto il saluto romano nella sede di Fratelli d'Italia nel corso di un incontro pubblico, aperto alla stampa, alla presenza di Caio Giulio Cesare Mussolini, pronipote del duce, e candidato alle elezioni Europee.
L’Anpi ritiene "quanto mai offensivo ed oltraggioso il gesto che l’affermazione fatta dalla candidata a sindaco Maria Limardo che considererà la sua eventuale elezione democratica una pura e insignificante formalità.
"Un insulto alla democrazia, sostiene l’Anpi, che indigna e preoccupa perché segnale tangibile di una destra che sempre più si connota come antagonista della Repubblica nata dalla Resistenza e come nemica della Costituzione"
  

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700