Ricordando Marcantonio Bezicheri difensore di dannati e vinti - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

giovedì 4 gennaio 2018

Ricordando Marcantonio Bezicheri difensore di dannati e vinti

Il cinque gennaio di otto anni fa andava oltre l'avvocato bolognese Marcantonio Bezicheri difensore di tanti militanti di destra ma anche, per un breve periodo nel collegio difensivo di Anna Maria Franzoni, la mamma di Cogne e in quello di Tareq Aziz.
Fu dirigente del Movimento Sociale Fiamma Tricolore, organizzazione politica guidata da Pino Rauti, movimento per il quale fu candidato a sindaco a Bologna, in occasione delle comunali del 1995 e a Trieste nel 1997
L'avvocato bolognese Gianni Correggiari ci invia un personale ricordo del collega Marcantonio Beziccheri che pubblichiamo per intero.


“Il difensore dei dannati e dei vinti. Esempio di coerenza e di coraggio”. Questo il necrologio che l’avvocato Alessandro Pellegrini ed io dedicammo a Marcantonio Bezicheri, scomparso nel gennaio di otto anni fa. Non c’era processo politico contro camerati che non lo vedesse protagonista, lui, vero e proprio animale da udienza, soprattutto quando si celebravano in Corte d’Assise, dove il carattere, l’eloquenza, la passione – e lui ce ne metteva tanta – scuotevano le coscienze delle giurie popolari. Pagò con la galera e un lungo periodo di arresti domiciliari la sua militanza giudiziaria. Accusato da due pentiti di essere stato, niente di meno, latore di un mandato omicidiario contro Mennucci (che avrebbe trasmesso per l’esecuzione ad un suo cliente) in uno scambio di favori che avrebbe dovuto portare, addirittura, all’omicidio in carcere del professore Paolo Signorelli, amico personale dell’avvocato Bezicheri (e questo, al di là della sua onestà, già la diceva lunga sulla serietà di quelle accuse) fu alla fine prosciolto in istruttoria. In quello stesso periodo, altri avvocati difensori di militanti dell’estrema destra patirono il carcere e la persecuzione per l’opera infamante del pentitismo, sovente teleguidato da mestatori di professione: l’avvocato Alberghini di Venezia, l’avvocato Sangermano di Firenze, ma la carcerazione di Marcantonio Bezicheri fu più lunga e l’iter giudiziario più travagliato. Ne uscì scosso ma non venne meno la sua determinazione nel difendere, al processo per la strage di Bologna, imputati alla fine assolti: Massimo Fachini e Sergio Picciafuoco. Con lui scomparve una figura che non esito a definire romantica. Onorò la professione ed il suo impegno politico. E non si arricchì né con l’una né con l’altro.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700