venerdì 7 luglio 2017

CATEGORIA:

Stefano Delle Chiaie Ricorda La Rivolta Dei Boia Chi Molla

(G.p)Giovedì 14 luglio 2017: sono trascorsi ben 47 anni dal giorno in cui la città di Reggio Calabria si ribellò alla decisione del governo dell'epoca di privarla del ruolo di capoluogo di regione.
Con l'istituzione dell'ente Regione Calabria nel 1970 era iniziato un dibattito sulla collocazione del capoluogo, poiché più d'una città aspirava a esserlo. In mancanza di enti regionali fino a quella data non vi era legalmente un capoluogo ufficiale, anche se molti testi e pubblicazioni avevano sempre in precedenza indicato la città di Reggio Calabria (città tra le più antiche ed importanti di tutta la Magna Grecia) come capoluogo della Calabria, ed alcuni hanno continuato a farlo anche in seguito.
Dal 14 luglio in poi, in città ci furono momenti di grande tensione e di drammatiche proteste: scuole ed uffici pubblichi chiusi, barricate in molti quartieri della città, scontri con le forze dell'ordine, carri armati che giravano liberamente in città, con morti, feriti, arrestati, processati.
La città di Reggio Calabria pagò un prezzo altissimo per questa sua ribellione al governo centrale.
Ci vollero anni affinché la città si riprendesse da questo colpo mortale inferto dalla lobby del centro sinistra nazionale e memorabili battaglie in tutte le istituzioni da parte degli uomini migliori che Reggio Calabria esprimeva in quegli anni, come Ciccio Franco sindacalista Cisnal eletto senatore del Msi, vicino alle posizioni di Avanguardia Nazionale,Giuseppe Reale senatore democristiano e sindaco di Reggio, Piero Battaglia sindaco durante la Rivolta ed animatore della protesta popolare contro il trasferimento del capoluogo a Catanzaro ponendosi in posizione di contrasto al governo nazionale a guida del suo stesso partito (Democrazia Cristiana) in difesa della sua città, per strappare almeno alcune importanti istituzioni come la Corte d'Appello, l'Università e la sede del Consiglio Regionale.
Tra i protagonisti della rivolta di Reggio Calabria, un ruolo di primo piano lo ebbero i militanti ed i simpatizzanti di Avanguardia Nazionale, guidati da Stefano Delle Chiaie, che furono parte attiva di quel popolo meridionale che rivendicava il sacrosanto diritto alla partecipazione ed alla costruzione del destino della comunità nazionale.


 In occasione del quarantacinquesimo anniversario della rivolta di Reggio Calabria, Stefano Delle Chiaie mi inviò un suo personale ricordo che  ripubblico volentieri e per intero.


45 ANNI FA LA RIVOLTA DI REGGIO CALABRIA !
Una rivolta che testimonio' e grido' le ansie e le speranze di tutti i popoli del sud.L'ipocrisia e la menzogna hanno tentato nel tempo di macchiare quella protesta di popolo.
SENZA RIUSCIRCI !
Lo testimoniano le numerose rievocazioni di quell'evento,anche da parte di chi all'epoca,lo osteggio' con tutti i mezzi....
NOI,AL CONTRARIO,CI FUMMO !
Lottammo contro la spartizione concordata nelle segrete stanze del regime.Superando le sterilità nostalgiche,scendemmo in campo con il Popolo,per il Popolo,per rivendicare ed interpretare il suo diritto alla partecipazione ed alla costruzione del destino della Comunità Nazionale.
Al demagogico disegno di un prevedibile fallimento di un'industrializzazione,utile soltanto ad arricchire i baroni locali,opponemmo una politica di sviluppo e di potenziamento dell'agricoltura e del turismo.
Quello di Reggio non fu un moto localista o settoriale,ma una Rivolta di tutto un Popolo nel tentativo di conquistare il proprio Futuro.Non soltanto una Rivolta di una città,ma il tentativo di rappresentare un esempio per tutto il Sud.
ONORE A TUTTI I CADUTI ED AI "BOIA CHI MOLLA" CHE RESERO STORICA QUELLA RIVOLTA !

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.